Home > Automotive > Auto > Volvo e la sua scuderia d’antan ad Auto&Moto d’epoca 2015

Volvo e la sua scuderia d’antan ad Auto&Moto d’epoca 2015

Allo stand di Padova esposta la PV544 reduce dalla Targa Florio Classica e da una stagione ai vertici con Nino Margiotta

F1 VOLVO PD 10 015

Le vittorie e i piazzamenti di quest’anno hanno fatto della Scuderia Volvo un autentico punto di riferimento del panorama della Regolarità per auto storiche. Le ottime prestazioni di Nino Margiotta e degli altri piloti Volvo nel Campionato Grand’Eventi 2015 hanno permesso di raccogliere un secondo posto alla Winter Marathon, gara di apertura della stagione, un quinto posto assoluto e un terzo posto nella classifica per le Scuderie al Gran Premio Terre di Canossa, un terzo posto nel GP Nuvolari e un quinto posto nella Targa Florio Classica appena disputata.

F2 VOLVO 10 015

La 1800 Coupé PV544 portata in gara dal top driver siciliano Nino Margiotta e dal suo fido navigatore Bruno Perno rappresenta al meglio la Scuderia Volvo – squadra corse del Registro Italiano Volvo – degnamente affiancata dalla P1800 affidata alla coppia Massimo Zanasi-Barbara Bertini e dalla Amazon 122S portata in gara dall’equipaggio Leonardo Fabbri-Vincenzo Bertieri.

F3 VOLVO PD 10 015

A tale proposito Gianluca Fabbri, Responsabile dell’Attività della Scuderia Volvo, ha dichiarato che“Con la Scuderia schieriamo tre auto assai rappresentative della storia e del marchio Volvo, con tre equipaggi di primo piano e un pilota come Margiotta in grado di puntare al primato”. “Ma ci tengo a dire che tutti i piloti e i navigatori che rappresentano ufficialmente il nostro marchio contribuiscono in maniera decisiva a rendere la Scuderia una realtà riconosciuta e consolidata del panorama della Regolarità per auto storiche. Abbiamo vissuto una stagione entusiasmante e faremo il possibile affinché il futuro quanto abbiamo mostrato in questo primo anno di impegno ufficiale al massimo livello”.

AP VOLVO PD 10 015

Volvo e Ivan Capelli

In talune occasioni, la Scuderia Volvo si avvale delle capacità di Ivan Capelli, ex pilota di F1, commentatore televisivo e Presidente dell’AC Milano. Profondo conoscitore delle Volvo, sia moderne sia d’epoca, Ivan è un perfetto testimonial del marchio Volvo e del suo «Heritage» e il suo apporto è sempre determinante in termini di carisma e motivazione.

Al di là della collaborazione sul fronte delle gare per vetture d’epoca, Volvo Car Italia sostiene da tempo Ivan Capelli nel suo progetto Sa.Me.Da. (Safety Medical Database) centrato sull’impiego di un sistema che identifica l’atleta, per aumentare la sua sicurezza medica. Una piattaforma software permette l’inserimento, la custodia e la fruizione di informazioni mediche personali. In caso di emergenza o urgenza l’anamnesi completa dell’atleta è disponibile alla lettura tramite il bracciale Sa.Me.Da. – L.I.F.E. (Local Infomed For Emergency) direttamente sul luogo dell’infortunio, velocizzando quindi i tempi di intervento del personale di soccorso. Date le finalità del progetto, appare evidente la condivisione dei valori caria Volvo, da sempre dedicata a promuovere la Sicurezza.

Storie di successo

F4 VOLVO PD 10 015

I risultati di Nino Margiotta hanno rafforzato durante l’intero arco dell’anno le già alte quotazioni del Registro Volvo. Del resto, la storia agonistica della Scuderia Volvo e quella del portacolori della Scuderia sono di grande prestigio ed il palmares della Scuderia del Registro Italiano Volvo d’Epoca ci sono trofei di prestigio come le vittorie alla Coppa D’Oro Delle Dolomiti, all’Elba Graffiti, alla Coppa Città della Pace e al Trofeo Strade Scaligere (entrambe ottenute da Margiotta); seguono tre secondi posti alla Winter Marathon (incluso quello ottenuto nel 2015 da Margiotta), il terzo posto al GP Nuvolari 2015 (ottenuto da Margiotta) ed un terzo posto nella speciale classifica per Scuderie al GP Terre di Canossa.

Il Registro Italiano Volvo d’Epoca e la Scuderia Volvo

SCUDERIA VOLVOIl Registro Italiano Volvo d’Epoca, dopo essere stato per 20 anni una struttura esterna supportata da Volvo Car Italia, è stato da questa incorporato divenendo a tutti gli effetti un suo dipartimento interno. L’associazione si è con il tempo affermata come una delle realtà di maggior rilievo del settore in Italia. Oggi le attività del Registro e della Scuderia costituiscono elemento chiave dell’affermazione del marchio Volvo in prospettiva storica ed in tal senso, l’elemento «Heritage» costituisce il ponte fra passato e presente di Volvo.

Il «Registro» riunisce e valorizza le Volvo di interesse storico presenti in Italia e fornisce ai loro proprietari assistenza nei settori più disparati: dal reperimento di ricambi originali all’accesso all’Auto-Motoclub Storico Italiano, per finire con la partecipazione a gare e raduni. Il Registro Italiano Volvo d’Epoca mantiene anche i contatti con gli altri Club Volvo d’Epoca attivi all’estero.

Inoltre, attraverso il suo «braccio sportivo» Scuderia Volvo affiliata ACI/CSAI, il Registro dispone di due vetture pronte ad essere schierate nelle gare alle quali Volvo partecipa in forma ufficiale.

[ Giovanni Notaro ]

Print Friendly, PDF & Email