Home > Mare > Gary Hunt mondiale tuffi World Series

Gary Hunt mondiale tuffi World Series


Una folla incoraggiante, tuffi di alto livello e un doppio touch down. La baia di Boston è stata l’ambientazione perfetta per una nuova gloriosa vittoria dell’Inglese Gary Hunt, che si è così aggiudicato, con una tappa di anticipo e quattro vittorie nelle ultime quattro gare, il secondo titolo consecutivo di Campione del Mondo. Nella sua patria, l’americano Kent de Mond torna sul gradino più basso del podio dopo una dura stagione, con soli 2.15 punti di differenza rispetto al secondo classificato, il Russo Artem Silchenko.
Per un sabato il Cliff Diving è diventato urbano: al posto delle rocce e delle scogliere naturali, i tuffatori hanno usato la nuova piattaforma installata sul cornicione del tetto dell’Istituto di Arte Contemporanea a Fan Pier, Boston, a un’altezza di più di 26 metri, per la sesta tappa del tour mondiale del Red Bull Cliff Diving. Una folla entusiasta di 23mila spettatori posizionati attorno all’area hanno assistito alla prima tappa nella storia della World Series organizzata nella East Coast degli Stati Uniti.
Dopo un primo round interrotto venerdì da una tempesta, la vista dai 27 metri della piattaforma di lancio che si affaccia sul lungomare di Boston era limpida e perfetta per ammirare le evoluzioni spettacolari dei tuffi dei restanti tre round in programma il 20 agosto, dove il campione in carica Gary Hunt ha confermato la sua posizione di leader di tuffi da grandi altezze per il 2011. “Sono davvero soddisfatto della mia performance di oggi. Ho avuto un inizio traballante, ma poi è andata sempre meglio. E’ la quarta vittoria di fila e mi sento veramente al top della mia carriera”, dice il 28enne inglese, ormai imbattibile a una competizione prima del gran finale. “Ora posso andare a Yalta e godermi lo spettacolo. Non sono mai stato lì prima e ora posso andarci un po’ più rilassato”.
La tappa nella città pazza per gli sport, Boston, ha visto per la prima volta due debuttanti nella fase finale tra i primi sei. Steven LoBue, dall’Indiana, USA, fortemente sostenuto dalla famiglia e dagli amici, e il messicano Jorge Ferzuli hanno avuto la possibilità di esibirsi in tutti e quattro i tuffi, posizionandosi rispettivamente quinto e sesto. Un altro americano, Kent de Mond, ha ritrovato la strada per il podio dopo gli infortuni e i risultati incoerenti nelle precedenti tappe rispetto al 2010, dove aveva concluso la stagione al quarto posto assoluto. Artem Silchenko, come successo a Malcesine a luglio, ha perso punti nel terzo round, ottenendo dalla giuria solo punteggi medi, ma il secondo posto che è riuscito comunque a conquistare gli permette di arrivare a 73 punti nella classifica generale, balzando al secondo posto e sorpassando così anche il tuffatore Ceco Michal Navratil di sette punti (3°a 64 punti).
Gli organizzatori del concorso hanno confermato alla penultima competizione dell’anno che anche quest’anno i primi sei atleti della classifica generale accederanno automaticamente alla World Series del 2012. Dopo la gara di oggi due atleti – Cyrille Oumedjkane (FRA) e Alain Kohl (LUX) – sono a parimerito in quinta posizione (45 punti), il colombiano Orlando Duque, ancora in fase di recupero dopo un infortunio, è in settima posizione (40 punti) e l’americano Kent De Mond è ora a solo 10 punti di distanza dai primi sei.
Hassan Mouti ha invece deciso di ritirarsi dalle ultime due gare della Red Bull Cliff Diving World Series per poter continuare il suo recupero, lasciando spazio al 22enne americano David Colturi, wild card dell’evento, che ha completato la cinquina proveniente dagli Stati Uniti e ha preso il suo posto in campo sabato.
Il palazzo dell’ICA, costruito nel 1930, è stato preso d’assalto dai tifosi, più di 23mila in totale, che hanno assistito alla competizione da ogni angolazione dell’edificio e dall’acqua. La capitale degli sport degli Stati Uniti ha accolto così la più prestigiosa serie al mondo di competizioni di Cliff Diving.
La World Series 2011 si concluderà tra appena due settimane al largo della costa di Crimea, a Yalta, in Ucraina, dove la lotta per le prime sei posizioni sarà ancora più serrata e i tuffatori combatteranno fino all’ultimo tuffo. L’ultima tappa della Red Bull Cliff Diving World Series si svolgerà a Yalta il 4 settembre.

Print Friendly, PDF & Email