Home > Automotive > Accessori & Tuning > Risultati finanziari Renault del primo semestre 2011

Risultati finanziari Renault del primo semestre 2011


Record di vendite nel primo semestre, con 1,4 milioni di unità vendute (+1,9%).
Cifra d’affari del Gruppo di 21.101 milioni, in crescita del 7,3% rispetto al primo semestre 2010.
Margine operativo del Gruppo di 630 milioni di euro, pari al 3,0% della cifra d’affari (780 milioni di euro o 4% nel primo semestre 2010). L’impatto negativo dello tsunami in Giappone sul margine operativo del Gruppo nel primo semestre è stimato a 150 milioni di euro.
Utile operativo del Gruppo in crescita di 54 milioni di euro nel primo semestre 2011, a 772 milioni di euro.
Utile netto di 1.253 milioni, contro 823 milioni di euro del primo semestre 2010.
Free cash flow operativo del Ramo Auto positivo pari a 121 milioni di euro.
Indebitamento finanziario netto del Ramo Auto di 1.221 milioni di euro a fine giugno, in calo di 214 milioni di euro nel primo semestre.
“Il record di vendite nel primo semestre conferma il forte potenziale di crescita del Gruppo a livello internazionale. I risultati finanziari sono stati influenzati da eventi congiunturali, tra i quali delle difficoltà di approvvigionamento, i cui effetti si attenueranno nel secondo semestre, e un aumento significativo dei costi delle materie prime. In questo contesto, il Gruppo conferma l’obiettivo di free cash flow operativo superiore a 500 milioni di euro per il 2011” ha dichiarato Carlos Ghosn, Presidente – Direttore Generale di Renault.
Nel primo semestre 2011, la cifra d’affari del gruppo si attesta a 21.101 milioni di euro, in crescita del 7,3%. Sostenuto dal proseguimento della crescita internazionale, il contributo del Ramo Auto alla cifra d’affari è pari a 20.143 milioni di euro. Questa progressione del 7,3% rispetto al primo semestre del 2010 è dovuta principalmente al miglioramento del mix di vendita e alla crescita dei volumi.
In Francia, nel primo trimestre, le quote di mercato del Gruppo sono state impattate negativamente da una mancanza di disponibilità di veicoli. Questo fenomeno è stato ampliato, nel secondo trimestre, dalle difficoltà d’approvvigionamento legate allo tsunami giapponese.
Il margine operativo del Gruppo nel primo semestre 2011 raggiunge i 630 milioni di euro, pari al 3,0% della cifra d’affari, contro i 780 milioni di euro e il 4,0% del primo semestre 2010.
Il margine operativo del Ramo Auto si attesta a 221 milioni di euro, pari all’1,1% della sua cifra d’affari, in calo di 189 milioni di euro rispetto al primo semestre 2010. Questa variazione si spiega soprattutto con: un aumento dei costi delle materie prime per -313 milioni di euro compensato dal piano di riduzione dei costi (Monozukuri) per + 279 milioni di euro, un effetto cambio negativo di 102 milioni di euro, la crescita dei volumi per + 59 milioni di euro, una distorsione del prezzo / mix per – 91 milioni di euro in un mercato europeo competitivo e turbato dalle difficoltà di approvvigionamento.
Nel complesso, le difficoltà di approvvigionamento legate allo tsunami giapponese hanno avuto un impatto negativo sul margine operativo del Ramo Auto per una cifra stimata in 150 milioni di euro nel primo semestre. Gli impatti hanno colpito soprattutto la produzione, il commerciale e la logistica.
Il Ramo Finanziamenti ha contribuito al margine operativo del Gruppo per 409 milioni di euro, contro i 370 milioni di euro del primo semestre 2010. Questo aumento di 39 milioni di euro si spiega con la crescita dei dossier e un costo molto ridotto del rischio, ben al di sotto del suo abituale livello storico.
Renault ha registrato nel primo semestre 2011 un guadagno netto di 557 milioni di euro per la sua quota di profitto nelle società collegate, tra cui Nissan, AB Volvo e AvtoVAZ.
L’utile netto cresce a 1.253 milioni di euro, mentre quello del gruppo senza gli interessi minoritari si eleva a 1.220 milioni di euro (4,48 euro per azione rispetto ai 2,95 euro per azione nel primo semestre 2010).
Il free cash flow operativo del Ramo Auto è positivo di 121 milioni nonostante una variazione del fabbisogno di fondi di capitale circolante sfavorevole di 473 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010 (in parte a causa di una stagionalità atipica degli stock in relazione alle difficoltà d’approvvigionamento).
L’indebitamento finanziario netto del Ramo Auto è diminuito di 214 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010 e si stabilisce al 30 giugno 2011 a 1.221 milioni di euro. Il rapporto tra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto è del 5,3% a fine giugno 2011 (contro il 6,3% a fine dicembre 2010).
PROSPETTIVE 2011
Il mercato automobilistico mondiale (automobili + veicoli commerciali) dovrebbe proseguire la sua crescita nel secondo semestre 2011 e terminare l’anno con un incremento di circa il 3-4% rispetto al 2010. I mercati emergenti resteranno il motore della crescita, mentre il mercato europeo dovrebbe essere stabile o leggermente negativo (- 2%) nell’anno intero con un mercato francese in calo da -4 a – 6%. In questo contesto, Renault dovrebbe raggiungere entro il 2011 i volumi di vendita e una cifra d’affari superiori al 2010.
Le difficoltà congiunturali di approvvigionamento dovrebbero attenuarsi progressivamente nel secondo semestre permettendo, sin dal mese di settembre, una forte ripresa della produzione. Nel secondo semestre, l’impatto sul margine operativo dello tsunami giapponese è stimato a 50 milioni di euro supplementari.
In questo contesto, il gruppo Renault conferma il suo obiettivo di free cash flow operativo del Ramo Auto superiore a 500 milioni di euro per il 2011, con spese di Ricerca e Sviluppo e d’investimento inferiori al 9% della cifra d’affari.
Risultati semestrali consolidati di Renault
In milioni di euro I semestre 2011 I semestre 2010
Cifra d’affari Gruppo 21 101 19 668
Margine operativo
In % della cifra d’affari 630
+ 3,0 % 780
+ 4,0 %
Altri prodotti e costi operativi 142 – 62
Utile operativo 772 718
Risultato finanziario – 81 – 246
Quota nel risultato delle società collegate, di cui: 557 531
Nissan 441 460
Volvo 70 121
AvtoVaz 37 – 56
Imposte correnti e differite 5 – 180
Utile netto 1 253 823
Utile netto del Gruppo senza gli interessi minoritari 1 220 780

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
Il bilancio consolidato del Gruppo al 30 giugno 2011 è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione del 27 luglio 2011.
I revisori dei conti del Gruppo hanno effettuato regolarmente il loro esame su questi e la relazione sulle informazioni finanziarie semestrali è in corso di diffusione.
Il rapporto di attività con l’analisi completa dei risultati finanziari del primo semestre 2011 è disponibile sul sito www.renault.com nella sezione “Finance”.

Print Friendly, PDF & Email