Home > Mare > Barche > Wider 42’, una“prima” ai saloni di Cannes e Genova

Wider 42’, una“prima” ai saloni di Cannes e Genova


Si tratta, per Wider, dell’esordio nelle rassegne che rappresentano le più importanti vetrine dal respiro internazionale e sono appuntamento must per gli operatori di riferimento del settore nautico.
Protagonista di questo debutto sarà il 42 piedi, caratterizzato nelle linee da Fulvio De Simoni, che inaugura la flotta e vara la categoria dei wider cockpit proponendosi come day-cruiser dal design fortemente innovativo, da pilotare e godere in un incredibile mix di adrenalina e divertimento, pronto a trasformarsi e ad adattarsi alle più diverse esigenze e ad offrire un ampio ventaglio di soluzioni per garantire comfort e stabilità impensabili fino ad oggi per imbarcazioni di queste dimensioni.

Wider 42’ si distingue perché è in grado di raddoppiare in soli 12 secondi le superfici calpestabili del pozzetto, grazie a due estensioni laterali dello scafo azionate tramite un sistema automatico brevettato.
Si tratta per noi di due appuntamenti imprescindibili dove presentare questo progetto entusiasmante e ricco di novità – spiega Tilli Antonelli, presidente di Wider – un palcoscenico privilegiato dal quale esporre un prodotto sempre più al centro dell’attenzione per le sue caratteristiche innovative e per la filosofia alla base del progetto, che promuove un nuovo modo di vivere il mare, senza stereotipi e con il massimo della libertà”.
Wider 42’ incarna il moderno concetto di energy saving, puntando sull’utilizzo di motorizzazioni, forme aerodinamiche e materiali in grado di garantire risparmio sui consumi e minore impatto ambientale, grazie alla configurazione dello scafo cosiddetto “a scalini” (stepped hull) che permette alla barca di mantenere un assetto di navigazione altamente dinamico migliorando le prestazioni e garantendo una visibilità costante.
Lo stepped hull è infatti una tipologia di carena che deriva dalle barche da corsa, mentre resta ancora piuttosto inconsueta nella nautica da diporto; non a caso, la progettazione dello scafo di Wider 42’ è stata affidata a Mark Wilson, uno dei massimi esperti nel campo delle imbarcazioni da corsa, che ha progettato gli scafi con i quali il figlio ha vinto tre volte il Campionato del Mondo in classe P1 e P2.
L’ottimo rapporto peso/potenza permette a Wider 42’ di raggiungere i 53 nodi di velocità massima e 40 nodi di crociera con soli 110 l/h di consumo per i due motori Cummins da 480 Hp. Si ottiene così un’autonomia di quasi 400 miglia a 40 nodi, impensabile prima per un’imbarcazione di questo genere.
Il concetto di energy saving riguarda anche l’elettronica di bordo. In simbiosi con Acson Marine-Naviop (www.acsonmarine.com) è stato realizzato un impianto elettrico Can Bus, molto evoluto e altamente tecnologico. Dalla partnership con Naviop e Tastitalia nasce il volante multifunzione con un display multiview integrato, simile a quelli di Formula 1, e riportante tutte le informazioni necessarie per la navigazione. La dotazione in plancia comprende il Chart plotter GPSMap® 7012 Garmin dotato di un display touchscreen da 12,1 pollici e della nuova tecnologia G-Motion™. Sempre a marchio Garmin è la radio digitale VHF 300i, connessa al chart plotter, per un sistema di navigazione di ultima generazione e massima affidabilità. All’estremità di prua il gavone dell’ancora è dotato di un sistema brevettato (“Candy”) che permette un migliore utilizzo della catena senza rischi di aggrovigliamento in navigazione. Inoltre è presente una telecamera TCC orientata verso il sistema salpancora per poter operare in piena autonomia direttamente dalla plancia di comando.
L’arredo del pozzetto è all’insegna della trasformabilità. I sedili del pilota e copilota poggiano su un mobile attrezzato a cucina esterna. Lo spazio a proravia della consolle di guida, il cuore della barca, ospita una panca in fibra di carbonio che è possibile sdoppiare per creare una dinette per il pranzo, con il tavolo elettrico che si solleva dal pavimento. L’allestimento interno della barca garantisce il massimo comfort durante una giornata di mare: scendendo in cabina troviamo a sinistra un angolo cottura corredato da un mobile frigo a doppio cassetto con freezer e fabbricatore di ghiaccio per un totale di 160 lt., un piano di lavoro con lavello e fuoco singolo in vetroceramica e, al di sopra, un alloggiamento per il forno a microonde opzionale. La dinette è arredata con sedute dalla tappezzeria personalizzabile, disposte a C – fronteggiate da un TV flat screen a led – che, all’occorrenza, si trasformano in un ampio e comodo letto matrimoniale per garantire il massimo comfort anche durante la notte. A destra si trova il bagno con una grande doccia separata con box in cristallo, lavandino e wc in carbonio, in linea con il resto dell’arredamento essenziale e moderno.
Per l’arredo del living, in sostituzione dei classici stipetti sono state realizzate delle borse in pelle nelle quali poter riporre tutti gli oggetti necessari alla permanenza in barca e che possono essere trasportate da casa con tutto l’occorrente per la crociera, per poter poi essere agganciate alle murate e riportate con sé a conclusione della navigazione, al posto delle valigie.
Le caratteristiche proprie del Wider 42’ lo rendono un vero e proprio parco giochi da vivere in mare aperto: le classiche sedute fisse in vetroresina, pesanti e ingombranti, vengono sostituite da sedute gonfiabili che, all’occorrenza, possono essere utilizzate come materassini e sedute galleggianti in acqua, per garantire un totale relax, eliminando il confine tra barca e mare. Realizzate in poliuretano trasparente e dotate di un piccolo compressore, quando inutilizzate le sedute possono essere riposte nell’intercapedine delle murate delle terrazze mobili. Inoltre, per permettere la massima flessibilità di utilizzo del Wider 42’, è possibile scegliere tra due diverse configurazioni per la poppa: la prima, allestita con moto d’acqua di 3,40 m in un garage scoperto; la seconda, con prendisole e hangar, che può contenere un tender (da 2,75 m) e offrire ulteriore spazio di stivaggio, utilizzabile ad esempio per l’attrezzatura da sub. È anche possibile decidere di avere entrambe le configurazioni, intercambiabili tra loro.

Print Friendly, PDF & Email