Home > Automotive > Inaugurato a Torino la prima edizione di Parco Valentino Salone&Gran Premio

Inaugurato a Torino la prima edizione di Parco Valentino Salone&Gran Premio

Finalmente una rassegna dedicata all’auto torna nella Capitale italiana delle quattro ruote

CMYK base

Ideato dall’imprenditore torinese Andrea Levy il Salone all’aperto ospiterà sino alle 24.00 di domenica 14 giugno, 25 Case automobilistiche e 10 fra Centri di Stile e Carrozzieri lungo i viali del parco e, iniziative più che lodevole, l’ingresso sarà completamente gratuito.

F3 VAL 6 015

Le Case presenti non sono in verità molte ma ciò che si perde in quantità si guadagna comunque in qualità e trasversalità: nel Parco Valentino sono infatti presenti Abarth (695 Biposto e 595 Competizione), Alfa Romeo (Giulietta, 4C Spider, 4C e Mito), Audi (R8 e RS 6), Bentley (Continental GCT V8 S), Bmw (M3, M4, M4 DTM e X6 M), Ferrari (488 GTB, California T e FXXK), Fiat (500 Vintage ’57, 500X, 500L Trekking e Panda K-Way), Jaguar (F-Type Coupé R AWD e XE S), Jeep (Grand Cherokee, Cherokee, Wrangler e Renegade), Kia (Sorento e Soul), Lamborghini (Aventador LP 750-4 SV e Huracàn), Lancia (Ypsilon 30th Anniversary e Ypsilon Elle), Land Rover (Range Rover Sport e Discovery Sport), Lexus (NX Hybrid), Lotus (Elise 2.0), Maserati (Quattroporte e Ghibli), McLaren (570S), Mercedes (AMG GT), Porsche (911 GT3 e Cayman GT4), Pagani (Zonda Revoluciòn), Subaru (WRX STI e Outback), Suzuki (Vitara e Swift), Tesla (Model S P85D), Toyota (Auris Touring Sport Hybrid) e, per chiudere Volkswagen (Passat esposta su una pedana riservata all’Auto dell’Anno 2015).

Ben rappresentati anche Carrozzieri e Centri stile: Fioravanti (Alfa Romeo Vola), I.DE.A Institute, IED Torino (Syrma), Italdesign Giugiaro GEA, Pininfarina (Cambiano e Sergio), Studiotorino (RK Spyder e RK Coupé) ed infine Torino Design e UP Design mentre gli esponenti dell’ingegneria e della ricerca istituzionali sono il Politecnico di Torino e B-Tron.

La presenza di Pinifarina è sottolineata dall’omonimo Concorso d’Eleganza organizzato per sottolineare i festeggiamenti gli 85 anni di questa celeberrima carrozzeria la cui superba creatività viene ricordata attraverso pezzi mitici quali Cisitalia, Lancia Aurelia B24, Alfa Duetto, Nash Healey, Ferrari P4/5 by Pininfarina, Ferrari 612 Scaglietti «K», Alfa Romeo 6C 2500 speciale ed ancora la Ferrari 212 Inter Cabriolet del 1952, la prima ad esser stata disegnata da Pininfarina. La Giuria del Concorso assegnerà il premio “Best in Show” alla vettura che meglio rappresenta l’imprimatur della Carrozzeria torinese.

F10 VAL 6 015

Anche lo Sport dice la sua con un’esposizione coreograficamente organizzata a «box» il primo dei quali ospita la Lancia D50 che nel 1955 si aggiudicò l’ultimo Gran Premio del Valentino pilotata da Ascari, affiancata dalle Alfa Romeo 155 V8 TI (campione DTM 1993 con Nannini/Larini); a rappresentare le glorie meno recenti sono ancora la Giulia GTAm, l’Alpine-Renault A110 Campione del Mondo Rally 1973, le Fiat 131 Abarth Alitalia campione mondiale rally 1977/’78/‘80 e 124 sport spyder Abarth, le Lancia Stratos Alitalia e Fulvia HF 1600 Mondiale Rally 1972 con Munari, la Toyota Celica WRC che con Sainz vinse il Mondiale Rally nel ‘90 ed infine una chicca: 4 go-kart con cui corse un giovanissimo Ayrton Senna.

Lo sport più recente è significativamente rappresentato dall’Audi RS5 Superstars (campione 2014 con Kristofferson) e dalla R18 e-tron, dalle Lamborghini Huracan Super Trofeo e Gallardo Super Trofeo, Maserati MC12, Porsche Carrera Cup, Suzuki Swift Sport, Texa Sei G14 e BMC Mini Cooper S

Domenica 14 giugno, ultino giorno dell’esposizione, molte di queste auto lasceranno il loro box per sfilare (apripista la Lancia-Ferrari D50) nel percorso Castello/piazza San Carlo e ritorno passando proprio lungo i viali sui quali si corse il Gran Premio del Valentino a suo tempo animato da Ascari, Nuvolari, Farina, Fangio e Villoresi, tanto per citare solo alcuni dei più noti.

Da citare una «prima» per l’Italia e, già con molta nostalgia, una quasi ultima per l’Italia ed il mondo; parliamo della McLaren 570S, e della Land Rover Defender Heritage, due vetture totalmente agli antipodi.

F12 VAL 6 015

La nuova McLaren, recentemente presentata a New York, rappresenta la Sports Series della Casa inglese ed è caratterizzata da una scocca totalmente in fibra di carbonio e da una carrozzeria in pannelli di alluminio «superformato»; è mossa dal V8 biturbo M838TE le cui potenza (570 cv e coppia, 600 Nm, sono gestiti dalla trasmissione SSG a sette velocità e dal sistema Performance Traction Control basato su un software esclusivo di McLaren; non mancano ammortizzatori adattivi e barre anti-rollio e, perché no? lo start & stop.

L’auto, che brucia lo 0-100 km/h in 3,2” e lo 0-200 km/h in 9,5”, ha un prezzo di listino che parte da € 186.500 con consegne da novembre di quest’anno

La Defender Heritage vuole celebrare il 67° ed ultimo anno di produzione del Defender, un’auto che, assieme alla Jeep, ha fatto la storia del fuoristrada.

Al Parco del Valentino Land Rover espone uno dei tre modelli in edizione limitata che, ispirata alla Land Rover Serie I, riunisce l’estetica di quel celebre modello con tutte le caratteristiche di sicurezza, tenuta e comfort di un’auto attuale.

Andrea Levy, Presidente del Comitato Organizzatore Parco Valentino ha già dichiarato che “la manifestazione sarà annuale! In questi due anni di studio e preparazione si sono creati rapporti di fiducia con tutte le Case automobilistiche, anche con quelle che per questa prima edizione non sono riuscite a essere presenti. Tra queste, posso anticipare, che alcune hanno già opzionato spazi e garantito la presenza per l’edizione 2016, che vorremmo mantenere nel secondo week-end del mese presumibilmente dal 9 al 12 giugno”.

[ Giovanni Notaro ]

 

Print Friendly, PDF & Email