Home > Automotive > 4x4 > Suzuki, in Sila la buona occasione

Suzuki, in Sila la buona occasione

AA_suzuki_silaAlla Baja della Sila, in programma da domani a domenica in Calabria, Lorenzo Codecà e Bruno Fedullo in corsa col Grand Vitara V6 3.6 per confermare la leadership nel Tricolore.
Suzuki Italia in Sila anche con Fichera e Narzisi su Grand Vitara 2.7 T1. La gara è il terzo round del monomarca Suzuki Challenge.
La Baja della Sila, terzo round del Campionato Italiano Cross Country Rally, rappresenta per Suzuki la buona occasione per ipotecare il titolo Tricolore assoluto. Alla gara, organizzata da Rao Automobili Sport di Cosenza con partenza ed arrivo a Camigliatello Silano e in programma da domani a domenica sulle pendici e strade sterrate della Sila, Suzuki si presenta con l’eccellenza della produzione di fuoristrada sportivi, schierando i due Grand Vitara T1 con i quali da anni è protagonista assoluta della massima serie Tricolore della CSAI.
A bordo del fuoristrada motorizzato con un V6 di 3.6 centimetri cubici di cilindrata, Lorenzo Codecà e Bruno Fedullo confidano di proseguire nella striscia positiva di risultati che ha caratterizzato le prime due prove della stagione, vittoria all’Italian Baja e quarto posto alla Baja Terra del Sole, che gli permette di essere in testa alla classifica assoluta di campionato. Il campione milanese, affiancato dal navigatore emiliano, guida la graduatoria assoluta e quella riservata ai veicoli preparati di Gruppo T1, con sedici lunghezze su Petrucci e Manfredini, secondi assoluti con il Suzuki Grand Vitara 1.9 nei colori della Best Lap guidano anche il Gruppo T2. Con il Grand Vitara T1 2.7 correranno i catanesi Giorgio Fichera e Antonio Narzisi, i vincitori della precedente gara siciliana e attualmente quarti della classifica assoluta. La gara silana è il terzo round del monomarca Suzuki Challenge e proporrà l’appassionate duello al vertice tra gli stessi Petrucci-Manfredini e Lolli e Forti, rispettivamente primi e secondi del monomarca separati da ventuno punti e mezzo. Puntano a riconquistare un gradino del podio sia Emanuele, quarto a mezzo punto da Gelosa terzo della graduatoria, sia D’Alessio attualmente quinto ma ad una sola lunghezza da Emanuele. Nella graduatoria della Suzuki Jimny Cup, sono Mario e Pietro Radici in testa, correndo le gare a bordo del SJ 413. Suzuki comanda anche la classifica del Trofeo Mediterraneo, serie privata che alla Sila affronterà quarta tappa, grazie agli strabilianti risultati conseguiti da Petrucci e Manfredini, primi con 60 punti. Li seguono a quota 41 Santiccioli-Rossi su Mitsubishi Pajero e sono terzi i fratelli Radici su Suzuki Samurai, con 31 punti. La Baja della Sila sarà articolata su due tappe, con start domani alle ore 16 da Camigliatello Silano, e si concluderà domenica 17 luglio alle 16,06. Il percorso si sviluppa in 298,75 chilometri, di cui 181,00 di “speciali”.

Classifica Assoluta Conduttori:

Codecà 60 punti; 2. Petrucci 44; 3. Ricci 36; 4. Fichera 30; 5. De Angelis 24. Trofeo Csai

Gruppo T1: Codecà 55,5 punti; 2. Ricci 39; 3. Fichera 25; 4. De Angelis 22,5; 5. Luchini 19. Trofeo Csai

Gruppo T2: 1. Petrucci 55,5; 2. D’alessio 27; 3. Lolli 25; 4. Bombelli 22,3; 5. Salvi 18. Trofeo Csai

Gruppo T3: 1. Larini 31,5. Trofeo Csai Gruppo TH: 1. Borsoi 43,5; 2. Bertoni 27; 3. Lelli 25; 4. Bertoni 22,3; 5. Orlandi 19. Trofeo Csai Gruppo TM. 1. Salerno 19. Trofeo Csai Scuderie: 1. Emmetre Racing 52; 2. Errepi Racing e Rubicone Corse 37,5.

Suzuki Challenge, Piloti: 1. Petrucci punti 55,5; 2. Lolli 34; 3. Gelosa 28,5; 4. Emanuele M. 28; 5. D’Alessio 27. Navigatori: 1. Manfredini 55,5; 2. Forti 34; 3. Rossini 28,5; 4. Emanuele Mike 28; 5. Bordonaro 27

Print Friendly, PDF & Email