Home > Automotive > 25 auto in cerca di salite… tra Italia e Francia

25 auto in cerca di salite… tra Italia e Francia

Questa edizione 2011 della “the second life ” di In Auto sulle Alpi, lo storico raduno del Veteran, ripreso nel 2010, ha suscitato l’interesse dei Soci che, in pochi giorni, hanno coperto le 25 possibili presenze.

Soci con la voglia di guidare, che parafrasando Pirandello, non cercano “ l’autore” ma le SALITE. Appuntamento a Villar Perosa, in Val Chisone, sede storica della RIV oggi SKF e luogo natio del Senatore Giovanni Agnelli, il fondatore della Fiat. Si presentano 25 belle auto, con grande presenza di spider, niente di meglio per ammirare i paesaggi alpini: Alfa, Fiat, Jaguar, Lancia, Mercedes, MG, Morgan,  Porsche, Triumph. Tra le ultra cinquantenni:  Jaguar XK 140, Aurelia B24, Mercedes 220 S Cabrio, Appia Vignale e Appia Berlina. Il percorso prevede la scalata del Colle del Sestriere, proprio nel giorno delle prove della Cesana- Sestriere per auto storiche. Noi siamo sul percorso di gara in senso inverso, poco prima della chiusura al traffico della statale, grazie alla collaborazione degli amici dell’ACI di Torino organizzatori della scalata. Dunque da Cesana saliamo al Monginevro, poi Briancon e il Colle del Lautaret, in un area che il 21 luglio ospiterà una delle tappe decisive del Tour de France, la Pinerolo-Colle del Galibier. Si scollina, dopo aver dato uno sguardo alla splendido ghiacciaio della Meije. Il giro sarà contrassegnato dal passaggio nei pressi di una serie di laghi artificiali e si comincia con quello di Chambon. Si scende attraverso delle pittoresche gole ricche di cascate, per poi salire al colle di Ornon con strada stretta costellata di ciclisti che salgono e ….scendono a tutta velocità. Sul Colle sosta pranzo, per poi, attraverso strade sgombre di traffico e paesaggi molto suggestivi  scendere ad un altro lago artificiale quello di Sautet, dal quale si sale ai colli di Rioupes e di Festre. Sono queste, strade un po’ diverse dai classici itinerari, ma che offrono scorci molto suggestivi e ci garantiscono un traffico quasi inesistente. Poi però la pace si interrompe, si punta verso Gap sulla statale e attraversata la città si prosegue verso un altro lago quello gigantesco di Serre Poncon, il più grande bacino artificiale d’Europa che ha cambiato clima ed economia della zona, nella quale ora si producono  vini gradevoli e splendida frutta. Una sosta per ammirare il panorama di questo immenso bacino, che attraversiamo per dopo pochi chilometri, giungere al nostro accogliente Hotel Les Bartavelles a Crots dopo oltre 300 km. Un tuffo in piscina, aperitivo, cena, quattro chiacchere in giardino e poi il meritato riposo. Il più grosso del giro è stato completato, la domenica dopo pochi km. di statale verso Briancon, entriamo in una valletta laterale che ci porta attraverso Vallouise ed Ailefroide, ad un luogo mitico, denominato Le Pres de Madame Carle, al centro del Parc Des Ecrins, dove si affacciano le più alte cime francesi (escluso il gruppo del Bianco ) tutte intorno ai quattromila. Il luogo è ricco di fauna infatti caprioli e marmotte, si fanno fotografare a pochi metri dalle nostre auto. Pranzo all’aperto e per tempo, pronti al rientro “domenicale” attraverso diversi itinerari a scelta. Colle del Monginevro, Cesana, Oulx e Torino o il più impegnativo Colle dell’Agnello, attraverso la Valle Varaita zeppa di turisti, proseguendo per Saluzzo e Torino. Questo  raduno un po’ più ”avventuroso” del solito, si sta dimostrando uno dei più piacevoli, si guida tanto, alla fine sono quasi 600 km ed essendo solo in 50, si possono instaurare trai Soci rapporti più camerateschi. Il Consiglio del Veteran  ha già deciso di dare ancora maggiore impulso a  “In Auto sulle Alpi”   che sul piano dell’immagine, è ora secondo solo al mitico Vecchio Piemonte, che quest’anno vivrà la sua 50° edizione, ripercorrendo in parte, le strade della prima edizione di quel ormai lontano 1961.

Print Friendly, PDF & Email