Home > Automotive > Un semestre positivo per la SEAT

Un semestre positivo per la SEAT

Alla chiusura del primo semestre 2011, la SEAT si conferma Marca leader in Spagna, grazie alle 40.375 auto vendute, che corrispondono a una quota di mercato superiore al 9%. Malgrado la situazione difficile del mercato iberico, che ha segnato un calo del 26,8%, la SEAT chiude quindi la prima metà dell’anno con un bilancio davvero positivo.

Secondo i dati recentemente resi noti da Anfac (associazione Costruttori) e Ganvam (associazione Venditori) in Spagna, Ibiza e Leon sono fra i 6 modelli più venduti e contribuiscono in modo decisivo al successo della SEAT.
Anche in Italia, nonostante l’andamento generale del mercato, il Marchio spagnolo è riuscito a chiudere il semestre in positivo, con un +14,47% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le 1.541 unità del mese di giugno (+39,6% rispetto al 2010) e le 9.123 vetture vendute dall’inizio dell’anno confermano la buona performance della SEAT.
I risultati ottenuti sono frutto del trend particolarmente positivo fatto registrare dal più popolare dei modelli della gamma: Ibiza (5.545 unità, +25.5%). Bene anche Leon (1.304 unità, +15%) e Altea XL (1.138 unità, +5%), grazie all’entrata a listino delle nuove versioni COPA, presentate all’inizio del 2011. La nuova Alhambra, la monovolume SEAT, con 413 unità vendute dal suo lancio (+290%), continua a confermare l’alto gradimento della Clientela per questa tipologia di vettura. Grazie alla strategia di riposizionamento del Marchio, introdotta lo scorso anno, e alla ridefinizione dei propri valori originali, la SEAT ha fatto suoi ulteriori concetti chiave come affidabilità, efficienza e accessibilità. In questo senso, Louis-Carl Vignon, Direttore della SEAT Italia, ha dichiarato: “I modelli della SEAT sono contraddistinti da un’elevata funzionalità e da uno straordinario rapporto qualità-prezzo. Poter offrire ai Clienti design e tecnologia a un buon prezzo è importante per il nostro Marchio: oggi la qualità SEAT è assolutamente alla portata di tutti”.

Print Friendly, PDF & Email