Home > Automotive > Yokohama sul podio con Travaglia: uno splendido secondo posto

Yokohama sul podio con Travaglia: uno splendido secondo posto

Yokohama agguanta il primo podio della stagione rallystica 2011 grazie alla favolosa gara fatta dal pilota trentino Renato Travaglia a San Marino, rally su sterrato valido per il Trofeo Rally Terra e per il FIA European Rally Cups.

Renato Travaglia, navigato da Simone Scattolin, ha corso una gara tutta in salita, raggiungendo passo dopo passo il bellissimo secondo posto assoluto. Partito in sordina, complice la necessità di trovare il giusto feeling con le gomme Yokohama montate sotto la sua Ford Fiesta S2000 del Team Island Motorsports, il driver di Cavedine ha via, via sviluppato una confidenza migliore con le nuove ADVAN A053 by Yokohama, contemplando scelte appropriate in termini di mescola e durezza. Dopo aver terminato la prima giornata di prove speciali al 6° posto, Travaglia ha iniziato e proseguito veramente forte per tutta la seconda tappa.
Con un meteo migliore e più costante, caldo e asciutto al contrario degli acquazzoni occorsi il giorno prima, il pilota trentino si è quindi espresso al meglio, vincendo 4 delle 7 prove speciali in programma. Le ottime performance del secondo giorno hanno quindi permesso a Travaglia di risalire con costanza la classifica, per attestarsi saldamente al secondo posto assoluto già a metà giornata. Nella classifica finale Travaglia si posiziona quindi a soli 13.2 secondi dal leader Mikkelsen, distanziando il terzo, Arminen, di oltre 40”.
Yokohama Italia Motorsports si dichiara soddisfatta di questo risultato nelle parole di Giuseppe Pezzaioli, responsabile dell’attività sportiva: “Sapevamo che su terra avremmo potuto ottenere un buon risultato, le nostre gomme sono competitive. La scommessa qui a San Marino comunque non era facile: la collaborazione con Renato, per noi del tutto nuova, la necessità di trovare un giusto feeling alla guida, l’assetto dell’auto, il meteo: una serie di variabili che rendevano imprevedibile l’esito della gara. Tutto però alla fine è andato bene e ne sono felice.”.

Print Friendly, PDF & Email