Home > Automotive > Accessori & Tuning > TAG Heurer, omaggio al tempo e ai suoi miti

TAG Heurer, omaggio al tempo e ai suoi miti

TAG Heuer ha celebrato a Ginevra i 30 anni di partnership tra la maison svizzera e McLaren, con una esposizione di vetture e orologi che hanno contribuito alla storia del Marchio

01_TAG-Heuer

Il CEO di TAG Heuer Jean-Claude Biver ha accolto nello stand al Salone di Ginevra importanti protagonisti del mondo dell’automobilismo, tra questi il 4 volte Campione del Mondo di F1 Alain Prost, storico rivale di Ayrton Senna; Lord Charles Gordon-Lennox, patron del Goodwood Festival of Speed, il più importante e glamour evento motoristico europeo; Alejandro Agag, patron del Campionato del Mondo Formula E, le Formula 1 elettriche delle quali TAG Heuer è Founding Partner e Official Timekeeper; Roel de Vries, vice-Presidente di Nissan Motor Company, TAG Heuer è partner con la NISMO alla 24 Ore di LeMans.

foto_02

02_TAG-HeuerPer ricordare il legame storico che unisce TAG Heuer al mondo dell’automobilismo, il brand svizzero ha voluto esporre, per la gioia dei tanti appassionati che hanno potuto visitare il Salone di Ginevra, le vetture da corsa che hanno contribuito alla storia del Marchio, ma anche orologi diventati pietre miliari dell’orologeria svizzera. Tra questi il cronografo Carrera Calibro 16, evoluzione di quel Carrera creato da Jack Heuer nel 1963 in omaggio alla mitica corsa Carrera Panamericana.

Nel corso degli anni i maggiori piloti automobilistici sono stati testimonial di questi simboli per la misurazione del tempo, tra questi il grande Ayrton Senna al quale TAG Heuer ha dedicato diverse Special Edition, ma anche Niki Lauda, Nigel Mansel, Keke Rosberg e tanti altri. Per loro sono state realizzate delle edizioni limitate, fino all’ultimo Carrera Lewis Hamilton Limited Edition Chronograph.

06_TAG Heuer

TAG Heuer è stato il primo brand a produrre cronografi da cruscotto per le automobili e dal 1860, le più prestigiose auto sportive, ma anche la Scuderia Ferrari negli anni ’70 e da sempre la McLaren, adottano questi strumenti.

Tra le vetture in mostra al Salone di Ginevra, oltre alla Formula E per il Campionato 2015 spinta dal motore Spark-Renault SRT 01E pilotata dalla svizzera Simona de Silvestro, la McLaren di F1 del 1988 di Ayrton Senna, la Nissan GT-R LM NISMO per la prossima 24 Ore di LeMans, una McLaren 650 S e la Tesla Roadster nella versione speciale «Odyssey of Pioneer» che nel 2010 ha fatto il giro del Mondo ad emissioni Zero per festeggiare i 150 anni di TAG Heuer.

[ Paolo Pauletta ]

 

 

Print Friendly, PDF & Email