Home > Automotive > Fiat 500X Black Tie: l’esercizio stilistico di Lapo Elkann

Fiat 500X Black Tie: l’esercizio stilistico di Lapo Elkann

Alcantara, denim, cachemire, pelle per una esclusiva 500 spigata come l’abito di un dandy inglese

F3 500 LAPO GIN 015

Ha debuttato a Ginevra 2015 Garage Italia Customs, l’ultima iniziativa del glamorous boy di casa Agnelli in fatto di stile applicato all’auto, che ha prodotto un esemplare – al momento unico – della simpatica e pompata 500X con finiture e materiali degni di vettura di ben altro segmento.

Gli esterni

Questa showcar è stata concepita per quanti cercano, anche in una city-car o poco più, esclusività e finiture quanto più possibile tailor-made; l’operazione non è certamente nuova, basta pensare alle personalizzazioni della vecchia Mini i cui interni sembravano, in scala ridotta, quelli di una Rolls.

Ed infatti tutte le lavorazioni sono eseguite rigorosamente a mano e questo permette di ascoltare, capire ed interpretare i desideri del cliente al quale poi proporre le soluzioni stilistiche più adatte.

F2 500 LAPO GIN 015

La livrea esterna di questa Fiat 500X «Black Tie» è stata realizzata con un’innovativa tecnica di «wrap-paint» che unisce una pellicola cromata a una vernice tradizionale ottenendo così un effetto spigato del tutto particolare mentre il tetto è stato dotato di barre anodizzate e da maniglie in legno massello verniciato. 

Gli interni

L’imperiale e i montanti superiori sono stati realizzati in denim nero senza cuciture; stesso materiale per i rivestimenti delle fasce laterali e della fodera posteriore dei sedili le cui sedute sono state invece realizzate in cashmere «all’inglese» con bordino in pelle nera e impunture color ghiaccio; il prezioso tessuto – sempre bordato in pelle nera – è stato utilizzato per le antine parasole mentre le maniglie e le plafoniere sono state verniciate in nero opaco.

Si passa ora all’alcantara nera che, impunturata con cuciture scure, riveste tutto il cruscotto, il tunnel, i montanti inferiori, i battitacchi e le piastre antiscivolo all’ingresso delle portiere frontali e posteriori mentre gli inserti del pannello sono ricoperti metà in cashmere e metà in denim con impunture in contrasto color ghiaccio.

Le modanature interne delle portiere anteriori, la consolle centrale, alcuni particolari del cruscotto e tutto il pannello copri bagagliaio sono state realizzate nello stesso legno massello già proposto all’esterno della vettura.

Il «Garage Italia Customs»

lapo elkannPersonalizzazione come stile di vita: questa è l’idea che Lapo Elkann intende sviluppare per esprimere pubblicamente la propria personalità attraverso un canale di comunicazione così diretto quale l’auto è.

Dopo le collaborazioni con «Ferrari Tailor Made» e «Lapo’s Wardrobe for Gucci», il noto stilista italiano ha riunito un gruppo di competenze capaci di costruire un mondo stilistico riconosciuto internazionalmente.

Ferrari F12 berlinetta Tailor Made Elkann

«Garage Italia Customs» – sede operativa Milano – intende continuare l’opera dei grandi carrozzieri italiani del secolo scorso, per creare «l’auto su misura» per personaggi come quelli che nel secolo scorso ricorrevano ad auto uniche ancor oggi considerate oggetti di culto ma al tempo stesso vuole «democratizzare» questo particolare business anche grazie all’utilizzo tecniche più accessibili tecniche quali il «wrapping» e più innovative come il «wrap-paint».

Attendiamo a questo punto di vedere con piacere le future realizzazione di questa nuova realtà dell’alto artigianato automobilistico italiano.

[ Giovanni Notaro ]

 

Print Friendly, PDF & Email