Home > News > «Una vita da Social»: Continental a sostegno del tour educativo

«Una vita da Social»: Continental a sostegno del tour educativo

Ritorna la campagna educativa itinerante che, proposta dalla Polizia di Stato, cammina sulle ruote di un truk per allertare i giovani viaggiatori di internet sul pericolo del bullismo, dell’adescamento e della sicurezza della privacy. Questa iniziativa, dal simbolico titolo di «Una vita da Social», toccherà in otto mesi 55 località italiane in Lazio, Toscana, Liguria, Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia per poi concludersi a Milano. Lo scorso anno la prima edizione del tour ha visto coinvolte 42 città italiane e, in un viaggio di 9.000 chilometri, ha parlato dei rischi di un uso improprio dei social network a 100.000 ragazzi nelle piazze, 400.000 nelle scuole, 15.000 genitori e 8.000 insegnanti.

L’hospitality truck multimediale che funge da base itinerante è stato allestito anche quest’anno per l’occasione dall’azienda Transpecial Service Srl in collaborazione con Continental CVT che, oltre ai pneumatici montati sul mezzo, ha fornito anche il nuovo ContiPressureCheck, il sistema TPMS di Continental per il monitoraggio di pressione e temperatura dei pneumatici. Un’adesione che conferma la sensibilità di Continental nei confronti dei temi di impegno sociale, testimoniata anche dalla grande attenzione riservata all’ecocompatibilità dei pneumatici immessi sul mercato e alla sicurezza. Continental, infatti, è riconosciuta come un centro di competenza nella sicurezza stradale e mobilità sostenibile ed è firmataria della Carta Europea sulla sicurezza stradale, che ha come obiettivo quello di risparmiare 25.000 vite ogni anno a causa d’incidenti sulle strade europee.

“Ci auguriamo – sostiene Daniel Gainza, Direttore Commerciale di Continental CVTche quest’anno si possa superare il record di contatti stabilito nel 2014. I social network hanno un ruolo sempre più importante nei rapporti interpersonali e sono sempre più utilizzati, anche nella comunità degli autotrasportatori. Parallelamente al loro crescente utilizzo, però, deve essere portata avanti una campagna di sensibilizzazione rivolta agli utenti più giovani e meno esperti che li metta in guardia dai pericoli che possono derivare da un uso inopportuno”.

HospitalityTruck_TranspecialService_TPMS_Continental

Print Friendly, PDF & Email