Home > Automotive > Attualità > Con Nissan dalla competizione virtuale a quella reale

Con Nissan dalla competizione virtuale a quella reale

Lucas Ordóñez e Jann Mardenborough, dopo essere passati dalla consolle Sony Playstation alla pista, saranno quest’anno entrambi piloti ufficiali Nissan

nissan_gt_r_lm_nismo_2015_01

Con due annunci in contemporanea, il primo al Motor Show di Chicago ed il secondo a Yokohama, Nissan ha annunciato che il Campione della serie GP3 Jann Mardenborough (GB) sarà uno dei nuovi piloti della Casa giapponese nella classe LM P1 mentre Lucas Ordóñez (Spagna) farà coppia con il veterano del campionato tedesco Michael Krumm al volante della Nissan GT-R LM NISMO; sia Mardenborough che Ordóñez hanno iniziato «virtualmente» vincendo entrambi, ovviamente in anni diversi, la GT Academy.

sony playstation

Jann Mardenborough

Jann_Mardenborough23 anni e figlio di un ex calciatore professionista (buon DNA non mente), Mardenborough aveva tre anni fa interrotto gli studi per un anno sabbatico, nel corso del quale ha seguito la F1 e, giuocando con PlayStation 3, era entrato nella GT Academy di Nissan e Sony PlayStation realizzando infine una delle sue più grandi passioni.

Si è fatto notare con una brillante performance alla 24 Ore di Le Mans e nel 2015 si è distinto nella serie GP3, una categoria tecnicamente impegnativa e fortemente competitiva che costituisce l’anticamera della Formula 1. Originario di Cardiff, Jann è un giovane e promettente talento passato direttamente dalla consolle alla pista, seguendo una strada decisamente non convenzionale verso l’automobilismo sportivo.

In questa stagione Jann gareggerà nel Campionato del Mondo Endurance FIA con la Nissan GT-R LM NISMO dichiarando al riguardo che vuole “dimostrare che esiste un altro modo per conquistare gli onori sportivi che non anni e anni di dispendioso go kart… vincendo a Le Mans. Sono onorato che Nissan mi abbia scelto per competere nella categoria LM P1. Ho corso due volte a Le Mans in LM P2 e ho visto da vicino le auto LM P1 in pista. Che emozione pensare che quest’anno sarò io a pilotare uno di quei bolidi! La Nissan GT-R LM NISMO ha tutte le carte in regola per entrare nella storia e io sarò al volante! 

Lucas Ordóñez

ORDONEZLo spagnolo affiancherà il pilota Nissan Super GT Tsugio Matsuda sulla terza GT-R che scenderà in pista il prossimo giugno a Le Mans. Ma oltre all’impegno di Le Mans Ordóñez, al quale Nissan ha dato completa fiducia, è stato iscritto nella massima categoria del Super GT, che disputerà con una Nissan GT-R NISMO GT500.

A questo proposito Ordònez ha dichiarato: “Quando mi hanno chiamato per dirmi che avrei guidato la Nissan GT-R LM NISMO e la Nissan GT-R NISMO GT500, è stato come vincere la GT Academy una seconda volta. Lo scorso anno è stato incredibile, ho corso in Giappone e ho conosciuto a fondo la cultura automobilistica che hanno in quel Paese e che è davvero unica. Ora corro in prima categoria in Giappone e a Le Mans salirò niente meno che sulla GT-R! Sembrerà una frase fatta, ma la GT Academy trasforma i sogni in realtà, dando alle persone la possibilità di fare il lavoro che hanno sempre desiderato proprio come è accaduto a me. Sicuramente bisogna lavorare duro, ma l’impegno viene premiato. Non mi sono mai sentito così emozionato all’inizio di una nuova stagione”. 

La squadra

Michael Krumm

Michael Krumm

Forte di 9 piloti che saranno al volante delle due Nissan LM P1 nel Campionato Mondiale Endurance FIA e della terza auto aggiuntiva per la 24 Ore di Le Mans, la squadra rappresenta un bel mix di gioventù ed esperienza, che si rivelerà sicuramente prezioso per Nissan nelle gare di LM P1. Accanto a Mardenborough e Ordóñez, schierati sulla linea di partenza della LM P1, ci sarà Michael Krumm, pilota NISMO di lunga data che è stato oltretutto il primo a guidare la Nissan GT-R LM NISMO. Noto per le sue competenze nello sviluppo automobilistico, Krumm metterà le sue doti al servizio del team.

Nell’occasione Darren Cox, Responsabile globale di marchio, vendite e marketing di NISMO ha dichiarato. “Jann e Lucas hanno ampiamente dimostrato le proprie abilità di piloti: basti pensare al meritatissimo podio alla 24 Ore di Le Mans. Non è un successo improvvisato, ma il frutto di anni di impegno e di lavoro da parte di Jann, Lucas e del team Nissan NISMO, che hanno formato i campioni della GT Academy. La storia di questi ragazzi dimostra che se vuoi davvero qualcosa, e sei pronto a dare il massimo per averla, ce la puoi fare. La stessa filosofia è alla base del nostro programma di LM P1. Piloti come Krumm apportano un bagaglio di conoscenze imprescindibile in questo contesto. Siamo qui per competere ai massimi livelli e non per fare numero” ha proseguito. “Non è un caso che persone come Mark Webber corrano a Le Mans. Su questo circuito convergono i più agguerriti e capaci piloti internazionali. Sarà una dura lotta, ma non vedo l’ora di scendere in pista”.

Il 5 febbraio a Parigi, in occasione della consueta conferenza stampa pre-stagionale dell’ACO, sono stati svelati i nomi di altri tre membri della squadra a cui verrà affidata GT-R LM NISMO per Le Mans: Tsugio Matsuda (JAP), Harry Tincknell (GB) e Olivier Pla (FRA).

Tsugio Matsuda si è formato in Giappone, dove si è laureato campione del Super GT GT500 conquistando il titolo iridato nel 2014, a bordo della #23 Motul Autech GT-R.

Tincknell è stato nel 2014 la rivelazione della European Le Mans Series: il ventitreenne britannico ha messo a segno al primo colpo una vittoria di categoria (LM P2) alla 24 Ore di Le Mans e ha concluso la European Le Mans Series al secondo posto. Provetto pilota di monoposto, Tincknell è passato all’automobilismo sportivo all’inizio del 2014. Disputerà con Nissan il Campionato Mondiale Endurance FIA di quest’anno.

Olivier Pla ha debuttato, come Tincknell, sulle monoposto, per poi passare al professionismo a partire dal 2008. Talento indiscusso della LM P2, Pla è prontissimo ad avanzare nella categoria LM P1, dove gareggerà per tutta la stagione 2015.

A questi si aggiunge Marc Gene, ex Ferrarista che ha al suo attivo – fra l’altro – una vittoria e complessivamente ben otto partecipazioni alla 24 Ore.

Sempre a Parigi sono stati rivelati anche i numeri di gara assegnati alle tre auto, ossia 21 (Le Mans), 22 e 23 (Campionato Mondiale Endurance FIA); lo schieramento del team sulle tre vetture Nissan GT-R LM NISMO verrà svelato dopo aver annunciato l’elenco completo dei piloti. 

La Nissan GT-R LM NISMO

129066_5_8

Presentata il primo febbraio in occasione del Superbowl XLIX (lo show televisivo più seguito nella storia degli Stati Uniti con oltre 110 milioni di spettatori), questa specialissima GT-R rappresenta, un’interpretazione audace ed alternativa del regolamento tecnico della gara francese grazie al motore (V6 biturbo benzina da 3 litri) e trazione anteriori, al suo sistema di recupero dell’energia cinetica, alla sua linea da Bat-mobile evidentemente studiatissima sotto il profilo aerodinamico e della fluidodinamica ed ancora grazie all’altra caratteristica ancora più particolare relativa a carreggiate inversamente diverse (più larga anteriormente e più stretta dietro) e dimensioni degli pneumatici (più larghi avanti e più stretti dietro).

La nuova vettura parteciperà al Campionato Mondiale Endurance FIA che, dopo la gara inaugurale di Silverstone (GB) il 12 aprile, toccherà altre tappe europee, da Spa in Belgio alla 24 Ore di Le Mans e il Nürburgring, per poi traversare l’Atlantico alla volta degli Stati Uniti, e proseguire poi Cina e Medio Oriente.

Circa l’assoluta atipicità di quest’auto, Shoichi Miyatani, Presidente di NISMO ha dichiarato “Ecco cosa intendiamo per Innovation that excites… la sostenibilità è da sempre in cima alle nostre priorità e, da questo punto di vista, il regolamento tecnico della Le Mans lascia ampio spazio alla sperimentazione. Finora il nostro massimo risultato in questa competizione è stato il terzo gradino del podio, perciò possiamo dire di avere un conto in sospeso. Siamo intenzionati a vincere e abbiamo il know-how per farlo: vogliamo rendere orgogliosi clienti, dipendenti e fan”.

Darren Cox, Responsabile globale Brand, Marketing&Sales, NISMO ha a sua volta sottolineato che “il programma LM P1 sposa le due anime di NISMO, quella agonistica e quella stradale, esprimendo appieno il DNA del brand. Stiamo sfruttando tutti i canali di comunicazione a nostra disposizione per portare l’automobilismo sportivo al grande pubblico e raccontare non solo la rivoluzione tecnologica, ma anche le storie di uomini in carne ed ossa. L’innovazione non si fermerà al circuito: questo è solo l’inizio”.

[ Giovanni Notaro ]

B8zZOtXIEAAUzh4

Print Friendly, PDF & Email