Home > Automotive > Auto > Mercedes-Benz SL Mille Miglia 417 Edition

Mercedes-Benz SL Mille Miglia 417 Edition

La Casa tedesca presenta una «Special Edition» della attuale «SL» per rinverdire il ricordo di un mito

Per ricordare la sorprendente vittoria di Classe alla Mille Miglia del 1955 di una 300 SL privata con il numero «417» condotta dal pilota statunitense John Fitch, affiancato dal tedesco Kurt Gessl, Mercedes-Benz ha deciso di proporre una Special Edition della attuale «SL» chiamandola appunto «SL Mille Miglia 417 Edition».

In quella occasione la 300 SL era nella versione coupé Gullwing, in quanto la versione roadster entrò in produzione solo nel 1957. Oggi la storia si ripete, ma al contrario, in quanto la coupé SLS Gullwing è uscita di produzione nel 2014 mentre continua ancora quella della versione SL Roadster.

Anche se l’aspetto non è lo stesso, Mercedes ha ritenuto doveroso ricordare quella strepitosa Mille Miglia del 1955 nella quale John Fitch con una vettura praticamente di serie vinse la Categoria GT oltre 2.000 cc e si classificò al 5° posto nella Classifica Generale. Tagliò il traguardo di Brescia alle 4.17 del mattino dopo aver effettuato i 1.597 km del percorso Brescia-Roma-Brescia in 11 ore 29 minuti e 21 secondi.

Tanto per ricordare, quell’anno la Mille Miglia venne vinta da Stirling Moss, seguito da Manuel Fangio, ambedue su Mercedes 300 SLR, cioè la speciale versione Racing.

Come la 300 SL del 1955, anche la SL Mille Miglia 417 Edition si presenta nella finitura Magnetite Black, ma è possibile averla anche nel colore Night Black opaco, oppure Cashmere White opaco o Diamond White lucido. Indipendentemente dal colore scelto, alcune parti bordate di rosso e un badge con la scritta «SL Mille Miglia 417» sulla fiancata identificano il modello. Come nella versione di serie, si può scegliere tra il motore V6 della SL 400, con 333 cv, oppure optare per il più potente V8 da 435 cv della SL 500. Per questa particolare finitura bisogna aggiungere circa 15.000 euro al prezzo della 300 SL scelta.

[ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email