Home > Automotive > Attualità > Toyota Mirai: in Giappone l’idrogeno parte bene

Toyota Mirai: in Giappone l’idrogeno parte bene

 1.500 gli ordini ricevuti da Toyota ad un mese dal lancio della berlina Mirai da 309 cavalli con sistema di celle a combustibile

FOTO MIR 1

Le previsioni di vendita in Giappone formulate al momento della presentazione della vettura, erano di circa 400 unità entro la fine del 2015 ma la richiesta, forte e inattesa, ha «sballato» i tempi di consegna che, inevitabilmente, si allungheranno e questo è, trattandosi di una vettura ad idrogeno, un segno di grande successo.

La forte richiesta, al di là della bontà di Costruttore e prodotto, si spiega con il lavoro preventivamente effettuato sulla «logistica». Le vendite sono infatti iniziate nelle aree dotate di stazioni di rifornimento per l’idrogeno e in quelle limitrofe.

Circa il 60% degli ordini sono stati stipulati da uffici governativi ed aziende ed il 40% da clienti privati provenienti principalmente da Tokyo e dalle Prefetture di Kanagawa, Aichi e Fukuoka.

 

 

 

Mirai sfrutta il Toyota Fuel Cell System (TFCS), un sistema che fa «convivere» positivamente le celle a combustibile con la tecnologia ibrida, includendo nuovi pacchi di celle e serbatoi di idrogeno ad alta pressione di produzione Toyota. Il TFCS risulta molto più efficiente rispetto ai tradizionali motori a combustione interna e non produce CO2 né agenti inquinanti (salvo quelli legati alla fabbricazione della vettura, al suo smaltimento a fine ciclo e quelli legati ai materiali di consumo utilizzati nel corso della gestione operativa, primi fra tutti pneumatici, pasticche freni, lubrificanti per le parti meccaniche in movimento e via dicendo); da notare anche i tempi di rifornimento di circa 3 minuti.

Il motore di Mirai è alimentato dall’elettricità generata attraverso una reazione chimica che avviene all’interno di un sistema di celle a combustibile, tra l’ossigeno, presente nell’aria, e l’idrogeno, caricato nei serbatoi. Toyota dichiara per il pacco celle una potenza massima di 155 cv (114 kW) e per il generatore elettrico sincrono AC 154 cv (113 kW) per un totale di 309 cavalli «puliti».

 

 

 

L’auto è decisamente grande (dimensioni in metri: Lunghezza 4,89 – larghezza 1,81 – altezza 1,53 – passo 2,78) e con un peso in ordine di marcia 1.850 kg; ciò nonostante l’abitacolo, da quel che le foto mostrano, è ben rifinito e abbondantemente interconnesso come da tradizione Toyota, e ospita solo 4 persone.

In Europa il lancio di questa vettura, prodotta in Giappone nello stabilimento di Motomachi, è previsto a partire da settembre 2015 in Danimarca, Germania e Gran Bretagna; altri mercati a seguire con una previsione di vendita di 50/100 vetture l’anno nel 2015 e 2016 ad un prezzo di circa € 66.000 + IVA (in Germania).

[ Giovanni Notaro ]

Print Friendly, PDF & Email