Home > Automotive > La nuova Fiat 500X

La nuova Fiat 500X

Debutta al Mondial de l’automobile parigino 2014 la Renegade in salsa italiana…

IMG_8784

Circondata da molta attesa (generata dalla sapiente campagna di anticipazione svolta dalla Fiat, pardon FCA) il nuovo crossover prodotta a Melfi a fianco delle linee Renagade ma destinato ad essere esportato in oltre 100 paesi, USA compresi, ha fatto il suo debutto a Parigi. Con la sua simpatia e la somiglianza con la non più vicina parente 500 (una su tutte, il pianale è quello della Renegade), ha catturato non pochi sguardi e suscitato molta curiosità in virtù delle sue due anime, la prima più cittadina e l’altra che punta al tempo libero.

FOTO 2FOTO 3

Disegnata dal Centro Stile della Casa ex-torinese, la 500X è l’interpretazione tricolore della Renegade, con simile architettura ma diversa vocazione, né potrebbe essere diversamente, se non a costo di una lotta fratricida tra listini. Di sicuro questo è uno dei primi, reali frutti dell’integrazione industriale e delle conseguenti economie di scala fortemente volute dall’A.D. Marchionne che su questa 500X (come del resto sulla nuova Renegade) punta moltissimo e si aspetta una domanda pari alla massima capacità di produzione delle catene di montaggio attualmente dedicate e si è addirittura dichiarato pronto a realizzarne un’altra ex-novo. 

Esterni

Estremizzando, potremmo scomodare Tommasi di Lampedusa e rovesciarne il gattopardesco “cambiare tutto per non cambiare nulla” in un “non abbiamo cambiato nulla, ma questo nulla è del tutto diverso”; ed ecco allora che questa 500X prende le distanze dalla sua stretta e ben conosciuta parente, a partire dalle dimensioni (è lunga, larga ed alta 4,25 – 1,80 e 1,61 metri) alla capienza del bagagliaio (350 litri come la Renegade) alle motorizzazioni ed infine all’estetica: una «500» immediatamente riconoscibile ma totalmente diversa.

FOTO 4FOTO 5

Della 500 ricorda la linea ad uovo, qui più allungata nella fiancata dalla più alta linea di cintura, nel frontale stondato ma con fari più «a mandorla» ma se ne differenzia per le linee più tese della parte posteriore, caratterizzata da una diversa inclinazione, da un più netto taglio del padiglione e da un lunotto più piccolo. La presenza, o meno, delle barre portatutto – dipende dalla versione – e della trazione che può essere anteriore o integrale e che comunque, anche nel primo caso, si differenzia nettamente da quella della 500 normale.

Ma le differenze non finiscono qui poiché, a parte la meccanica, la 500X a trazione anteriore è più corta di due centimetri rispetto alla gemella a trazione integrale (4,25 contro 4,27 metri) mentre l’altezza della «4×4» (i cui file fotografici ufficiali sono marcati 500X Cross) sale di un centimetro ma la larghezza rimane identica. 

Fiat 500X__(02)

Interni

Elevato, in rapporto alle dimensioni esterne comunque da segmento C, lo spazio interno; stando alle foto e come confermato dal breve contatto statico avuto a Parigi, l’abitacolo sembra essere confortevole e la sensazione è quella di un buon grado di accuratezza nel montaggio e nelle finiture generali. Attendiamo per confermare questa prima impressione di poter approfondire il contatto con l’auto.

FOTO 6FOTO 7

Ciò che ci è piaciuto senza riserve è stata la rivisitazione della plancia che con il ritorno al classico (non al «vecchio») si è nettamente scostata da quella della 500 che, ovviamente è questione di gusti, non ci ha mai del tutto convinto. La plancia attuale ci sembra molto più razionale grazie alla classica disposizione degli strumenti circolari, la posizione centrale e rialzata dello schermo, le numerose bocchette di aereazione e climatizzazione e la classica consolle centrale ospitante la leva del cambio ed alcuni comandi secondari.

FOTO 8FOTO 9

Sette infine, le combinazioni che si potranno scegliere per gli interni caratterizzati dalla presenza di alcuni vani portaoggetti, sempre utili, dall’utilizzo di materiali a prima impressione di qualità più che buona e dalla presenza, come su altri modelli della Casa del sistema multimediale Uconnect con, a scelta, schermo da cinque o da sei pollici e mezzo; entrambe le versioni condividono la connettività Bluetooth, Aux, porta USB ed i comandi vocali. 

Meccanica

IMG_8786

Sotto questo aspetto la 500X è una parziale e più cittadina riproposizione tecnica della recentissima Renegade. Nella prima fase della commercializzazione la 500X avrà:

  • il benzina Turbo MultiAir II da 1.400 cc e 140 cv, (traz. anteriore, cambio man. 6 M; a richiesta è disponibile l’automatico 6 M a doppia frizione);
  • il turbodiesel MultiJet II da 1.600 cc e 120 cv, (traz. anteriore, cambio man. 6 M);
  • Il turbodiesel MultiJet II da 2.000 cc e 140 cv (traz. integrale, cambio autom. 9 M);

e, successivamente:

  • il benzina E-torQ da 1.600 cc e 110 cv (traz. anteriore, cambio man. 5 M);
  • il benzina Turbo MultiAir II da 1.400 cc e 170 cv (traz. integrale, cambio autom. 9 M);
  • il turbodiesel MultiJet II da 1.300 cc e 95 cv (traz. anteriore, cambio man. 5 M);
  • il MultiJet II da 2.000 cc e 140 cv (traz. integrale, cambio man. 6 M);
  • il benzina Tigershark da 2.400 cc e 184 cv, montato sulla Chrysler 200 anch’esso abbinato alla trazione integrale con cambio automatico a 9 marce; questa versione sarà destinata ai mercati d’oltre Oceano.

Ancora da notare che:

  • le versioni 4×4 della 500X hanno in comune con la Renegade il sistema di disconnessione dell’asse posteriore;
  • le versioni a trazione anteriore possono essere dotate anche del «Traction Plus», un dispositivo che funge da differenziale autobloccante agendo su ABS ed ESP in modo da trasferire la coppia dalla ruota perdente a quella che in quell’attimo ha maggior presa;
  • il cambio automatico a 9 rapporti può essere comandato anche manualmente;
  • il Drive Mood Selector ha tre settaggi (Auto, Sport e All weather) in base ai quali si possono modificare i parametri di risposta di sterzo, motore, cambio e freni. Sulla variante per il tempo libero 4×4 la modalità All weather è sostituita dalla funzione Traction che trasferisce più velocemente la coppia motrice all’asse posteriore mentre sulle «tempo libero» a trazione anteriore, interviene la funzionalità Traction Plus che agisce come un differenziale autobloccante.

FOTO 1

Ben presidiato anche l’aspetto sicurezza, tanto che tutte le Fiat 500X montano di serie 6 airbag (anteriori, a tendina e laterali), ed il controllo elettronico della stabilità. Sono inoltre disponibili, di serie o a richiesta secondo allestimenti e mercati, il Lane Assist (dispositivo di mantenimento della corsia di marcia) ed il Blind Spot Assist (dispositivo per il controllo dell’angolo cieco nei cambi di corsia) mentre sono solo optional il sistema anticollisione Brake Control e la telecamera di retromarcia. 

Versioni

Fiat 500X__(01)

La 500X (come la Renegade) viene proposta in due versioni a vocazione l’una più cittadina e l’altra votata al tempo libero; a parte questo, il potenziale cliente può scegliere fra:

  • tre tipi di trazione (integrale, anteriore e anteriore con Traction Plus);
  • oggi tra 3 motorizzazioni che in un prossimo futuro diverranno 7;
  • oggi tra un cambio manuale a 6 marce ed un automatico a 9 che complessivamente aumenteranno a 5 manuali (3 sei marce e 2 cinque marce) e 3 automatici (2 nove marce e 1 sei marce);
  • 7 combinazioni interne;
  • 12 tinte esterne;
  • 8 diversi tipi di cerchio.

Nulla di ufficiale è sinora trapelato ma alcune voci indicano un listino che si aggirerebbe fra i 20 ed i 25.000 euro per le benzina e fra i 22.500 e 26.500 circa per i turbodiesel.

Giovanni Notaro

Print Friendly, PDF & Email