Home > Automotive > Citroën C-Elysée WTCC: Sole levante, Avversario calante

Citroën C-Elysée WTCC: Sole levante, Avversario calante

Dopo la conquista del Campionato del Mondo FIA WTCC da parte di Citroën, Suzuka consegna a Lopez il primato fra i Piloti e all’Argentina un nuovo Campione mondiale

FOTO 1

A Suzuka, tappa giapponese del WTCC, José Marìa Lopez, pilota argentino della Citroën, al suo primo Campionato della specie, si è laureato Campione del Mondo Turismo per il 2014, riportando un titolo iridato nella sua Argentina 57 anni dopo l’ultimo titolo di Fangio in Formula Uno vinto con la Maserati.


FOTO 2FOTO 3

Il neo-campione argentino tagliava il traguardo portando, sulla sua come su tutte le altre vetture, la scritta «Tous avec Jules», a buon auspicio per Bianchi, rimasto vittima proprio su questo circuito di un gravissimo incidente nella prova giapponese del Campionato Mondiale di Formula Uno le cui immagini in diretta hanno fatto il giro del mondo.

FOTO 4
In gara 1 il poleman Lopez e Muller sfruttano perfettamente la pole e la seconda piazzola mantenendo le rispettive posizioni  di testa mentre Chilton e Valente lasciano indietro Loeb. Muller, all’inseguimento del compagno di squadra e rivale non riesce a mantenerne il ritmo e Lopez, a suon di giri record, stacca il suo diretto contendente al titolo. Da una parte quindi la prestazione monstre di Lopez ma dall’altra la sfortuna, altrettanto monstre, che sotto forma di una foratura alla posteriore sinistra, fa rallentare Muller di giro in giro favorendo così l’argentino che, dopo il giro d’onore, viene accolto dai meccanici francesi che indossano per l’occasione i colori argentini.

foto 5

Il podio è occupato da un sandwich composto da due «indigeste» Citroen C-Elysée (Lopez e Loeb) e da un companatico altrettanto coriaceo rappresentato dalla Chevrolet-Roal Motorsport di Tom Chilton.

foto 7

Gara 2 vede la pole occupata, grazie all’inversione dei primi 8 posti in griglia, dalla Honda di Gabriele Tarquini, mentre la vettura gemella di Mehdi Bennani, afflitta da problemi tecnici, non riesce neppure a schierarsi.

foto 6

Grande fuga di Tarquini, un volpone sempre velocissimo, che lascia le Citroën invischiate nel traffico di centro-gruppo ed aumenta – stile Lopez in gara 1 – di giro in giro il suo vantaggio rendendo impossibile la rimonta degli avversari. Messo in tasca un vantaggio tale da porlo al disopra di qualsiasi preoccupazione, il «Cinghio» inizia a girare su ritmi meno stressanti e porta a casa una bella vittoria grazie anche ad una Honda perfettamente preparata dall’italianissima JAS Motorsport.

foto 8

Il podio vede riproporsi un altro sandwich ma se il companatico è pressoché lo stesso (la Chevrolet questa volta del serbo Borkovic), le due fette esterne sono targate Honda, quella di Tarquini sopra e quella di Michelisz al terzo posto.

foto 9foto 10

 

Giovanni Notaro

 

RISULTATI Circuito di Suzuka

GARA 1

1. José María López (Citroën C-Elysée WTCC)

2. Tom Chilton (Chevrolet RML Cruze TC1) +8’’473

3. Sébastien Loeb (Citroën C-Elysée WTCC) +9’’693

4. Norbert Michelisz (Honda Civic WTCC) +10’’414

5. Hugo Valente (Chevrolet RML Cruze TC1) +12’’153

GARA 2 

1. Gabriele Tarquini (Honda Civic WTCC)

2. Dusan Borkovic (Chevrolet RML Cruze TC1) +1’’725

3. Norbert Michelisz (Honda Civic WTCC) +4’’360

4. Tom Coronel (Chevrolet RML Cruze TC1) +5’’497

5. Yvan Muller (Citroën C-Elysée WTCC) +6’’116

CAMPIONATO DEL MONDO PILOTI 

1. José María López 422 punti

2. Yvan Muller 305 punti

3. Sébastien Loeb 275 punti

4. Tiago Monteiro 174 punti

5. Norbert Michelisz 169 punti

CAMPIONATO DEL MONDO COSTRUTTORI 

1. Citroën Total 927 punti

2. Honda 649 punti

3. Lada 371 punti

Print Friendly, PDF & Email