Home > Automotive > Raduno internazionale del Centenario Maserati

Raduno internazionale del Centenario Maserati

Dopo il prologo del 17 tenutosi a Bologna presso la Fontana del Nettuno che ispirò il simbolo della casa del Tridente, parte domani da Modena la tre giorni che si concluderà a Torino per festeggiare il primo secolo di storia della Maserati

FOTO 2

Si vedrà di tutto: dalle esposizioni alle sfilate, dalla gara di regolarità alla prova in circuito, dalla visita alle fabbriche Maserati al Concorso d’Eleganza; eventi che avranno luogo grazie alla partecipazione di più di 200 vetture provenienti da tutto il mondo.

Le protagoniste che prenderanno parte a questa kermesse saranno auto sia storiche (dalle A6GCS/53 alle 3500 GT, 5000 GT, e Sebring, dalle Mistral e Mexico alle Ghibli e Quattroporte prima serie, dalle Bora ed Indy alle Khamsin ed al prototipo Boomerang) e sia attualmente in listino, condotte da equipaggi provenienti da tutto il mondo: Australia, Azerbaijan, Cina, Corea, Emirati Arabi, Francia, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Norvegia, Russia, Stati Uniti, Svezia tanto per citare solamente i principali. 

I momenti salienti

foto 3

  • Giovedì 18: ritrovo delle auto nel centro di Modena, tra Piazza Grande, Piazza Mazzini e la Via Emilia, vista alla mostra «MASERATI 100 – A Century of Pure Italian Luxury Sports Cars» allestita nel Museo Casa Enzo Ferrari (aperta al pubblico fino al gennaio del 2015); dalla mostra, sita a pochi metri di distanza da Viale Ciro Menotti, trasferimento dei partecipanti presso gli stabilimenti Maserati sempre su Viale Ciro Menotti. Cena all’interno delle linee di produzione della Maserati GranTurismo e GranCabrio e dell’Alfa Romeo 4C con esibizione dei tenori della Fondazione Luciano Pavarotti che ha sempre mantenuto uno stretto legame con il tridente, sin dagli anni ’60 del secolo scorso.
  • Venerdì 19: partenza in mattinata per Torino (con sosta presso l’autodromo di San Martino del Lago – Cremona – con sessioni di prove in pista e gara di regolarità); a Cremona omaggio a Baconin Borzacchini che su Maserati V4 a 16 cilindri stabilì, il 28 settembre 1929 alla media di 246,069 km/h, il record mondiale sui 10 chilometri con partenza lanciata, primato ottenuto su un rettifilo allora non completamente asfaltato che verrà percorso proprio dai partecipanti al raduno. Al termine dell’attività in pista, le Maserati attraverseranno Cremona alla volta di Torino, per poi schierarsi in serata in Piazza Castello; a seguire cena di gala nella Reggia di Venaria.
  • Sabato 20: nella mattina si disputerà l’ultimo tratto della gara di regolarità sulla salita della Basilica di Superga per poi visitare lo stabilimento «Avv. Giovanni Agnelli» di Grugliasco, dove si producono le nuove Quattroporte e Ghibli.  Nel corso del pomeriggio si terrà in Piazza San Carlo il Concorso d’Eleganza, con attribuzione dei premi (alcuni dei quali resteranno segreti fino al momento del loro conferimento) in funzione delle posizioni di classifica ottenute dalle vetture partecipanti in ciascuna delle dieci classi di appartenenza per anno di costruzione e tipologia.

Come già sottolineato, i concorrenti visiteranno l’esposizione Maserati presso il Museo Enzo Ferrari.

FOTO 5

Senza troppi giri di parole, si tratta della più importante rassegna mai organizzata sulla storia del «Tridente» che raggruppa alcuni tra i più significativi e rappresentativi modelli Maserati da strada e da pista in una cornice museale di assoluto prestigio. È un’occasione unica per ripercorrere compiutamente il cammino del Tridente dalle origini ad oggi, un luogo nel quale il visitatore potrà inoltre beneficiare di una vera e propria full immersion audio-visiva grazie a 19 videoproiettori, che proiettano immagini, suoni e voci relativi ai momenti ed ai personaggi più significativi che hanno scritto la storia della Casa.

Non tutti potranno però visitare la mostra e quindi l’occasione ci sembra opportuna per rimandarvi ai prossimi articoli sulla Storia della Maserati, dei suoi personaggi e dei suoi modelli più rappresentativi.

[ Giovanni Notaro ]

Print Friendly, PDF & Email