Home > Automotive > 4x4 > Mercedes GLA, la prova su strada

Mercedes GLA, la prova su strada

Il crossover della Stella si guida come una Classe A ma è più spazioso e funzionale

mercedes-gla-prova-su-strada-test-drive (1)

Magliano in Toscana – Sulla carta doveva essere la proposta di Mercedes nel segmento dei cosiddetti SUV compatti premium, quello popolato da Audi Q3, BMW X1 e Land Rover Evoque, ma la nuova GLA “fa di testa sua” e inventa una mini categoria che si colloca a metà tra Sport Utility e compatte due volumi. Un’intuizione che ripaga con un lungo elenco di benefici che vanno dall’eccellente Cx di 0,29 – frutto di un attento studio aerodinamico e di un’altezza da terra inferiore al metro e mezzo – ad un comportamento stradale da (quasi) sportiva, il tutto condito con un design avvincente.

mercedes-gla-prova-su-strada-test-drive (3)

Esterni

Dalle prime immagini diffuse dalla Casa la GLA poteva sembrare una sorta di Classe A rialzata, ma di uguale alla “sorellina” qui c’è solo il pianale “MFA” e, ovviamente, i propulsori. Per il resto questo crossover ha una sua personalità ben distinta ed una grande presenza su strada, nonostante dimensioni per nulla esagerate come testimoniano i 441 cm di lunghezza e i 180 di larghezza. La versione base denominata Executive ha i cerchi da 17″, che diventano da 18″ sulla Sport, mentre la Premium ha anche il kit estetico Sport Pack AMG con cerchi dedicati.

mercedes-gla-prova-su-strada-test-drive (5)

Interni

Anche gli interni differiscono a seconda della versione: e se già sulla Executive ci si sente a bordo di un’auto di classe, figuriamoci sull’accessoriatissima Premium oggetto del nostro test drive… Tutto lascia presagire che si tratti di una Mercedes alto di gamma, con morbida pelle che avvolge i sedili sportivi e riveste parte della plancia, pregiata radica che incornicia le bocchette d’aerazione circolari e volante a tre razze in pelle con comandi per la regolazione del sistema multimediale COMAND Online che fa bella mostra di se come fosse un tablet appoggiato al centro della plancia. Ottima l’abitabilità anteriore, buona per chi siede dietro, peccato solo per l’assenza di serie delle bocchette posteriori disponibili come optional scegliendo il clima COMFORTMATIC.

mercedes-gla-prova-su-strada-test-drive (2)

Tecnologia

La scelta della casa di Stoccarda è stata chiara e prevede che i principali dispositivi di sicurezza attiva siano di serie. E non parliamo di due gadget messi lì per riempire le brochure dei venditori, ma di raffinate trovate tecnologiche atte ad assistere e in alcuni casi correggere il guidatore, come il Collision Prevention Assist, l’Adaptive Brake Assist e l’Attention Assist. Attingendo alla lista degli optional, poi, si possono avere “utility” come il Lane Tracking Package (che avvisa del superamento della linea di mezzeria tramite scosse al volante), l’Active Parking Assist (per farla parcheggiare da sola) e il Distronic Plus (che mantiene in automatico la distanza di sicurezza). Di serie sulle versioni 4MATIC anche l’ausilio alla discesa DSR (Downhill Speed Regulation).

mercedes-gla-prova-su-strada-test-drive-cdi

Su strada

Il percorso sul quale abbiamo avuto modo di provare la GLA 220 CDI 4Matic rappresentava un perfetto mix di strade extraurbane, misto e sterrato. Nel lungo tratto autostradale sono emerse fin da subito le sue doti da stradista: gran confort di marcia, perfetta insonorizzazione e ottimo tiro a tutti i regimi del 2.1 litri da 170 cv e 350 Nm di coppia ben assistito dal cambio a doppia frizione 7G-DCT, che le consente di toccare i 215 orari, andare da 0 a 100 km/h  in 8,3 secondi e consumare 4,9 l/100 km. E fin qui nulla di strano, del resto è una Mercedes. Ma è sul misto che questa GLA ci ha davvero sorpresi, con un assetto piatto che quasi ne annulla il naturale rollio, una presa ferrea sull’asfalto (anche bagnato) ed una precisione di guida impensabile per un tradizionale SUV. Non manca che affrontare lo sterrato, giusto per capire fino a che punto è possibile spingersi. Detto che si tratta di un crossover con vocazione stradale, questa GLA non si tira certo indietro davanti a strade sconnesse, fango e salite impervie, basta fare un po’ di attenzione a dove si mettono le ruote perché la posizione di guida non è particolarmente rialzata e la visibilità non può essere quella di un fuoristrada.

mercedes-gla-prova-su-strada-test-drive-cdi (2)

Versioni e prezzi

Capitolo motori. In gamma ci sono due benzina (in attesa della 45 AMG): GLA 200 da 156 cv e GLA 250 da 211 cv e due diesel (in attesa della 180 CDI): GLA 200 CDI da 136 cv e GLA 220 CDI da 170 cv. La 200 benzina è disponibile solo a trazione anteriore, le altre hanno in alternativa anche la versione 4MATIC.  I prezzi partono dai 31.760 euro della 200, per arrivare ai 46.058 del modello da noi provato, la 220 CDI 4MATIC Premium. Secondo il Responsabile marketing Eugenio Blasetti, la GLA più venduta sarà la 200 CDI 4MATIC Sport con cambio 7G-DCT che ha di serie, tra le altre cose, il navigatore Becker, la telecamera posteriore e i sedili sportivi in pelle ECO, il tutto per 38.686 euro.

Valerio Maura

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email