Home > Automotive > Accessori & Tuning > Emergenza targhe, immatricolazioni slittate

Emergenza targhe, immatricolazioni slittate

L’UNASCA lancia l’allarme: mancano le targhe negli uffici della motorizzazione

targhe-italiane (1)

Non abbiamo fatto in tempo ad accogliere con favore gli incentivi per l’acquisto di auto ecologiche, che subito ci troviamo di fronte ad un’emergenza inaspettata: la carenza di targhe presso gli uffici della Motorizzazione Civile. Un problema sorto nel mese di aprile e non ancora risolto in in gran parte d’Italia, in particolare nelle città di Como, Bari, Treviso, Brescia e Bergamo.

targhe-italiane

E se aumenteranno le immatricolazioni…

La colpa di questa prolungata mancata produzione è da ascriversi al Poligrafico dello Stato e sta creando disagi nelle immatricolazioni, con ricadute sugli operatori del settore, agenzie di pratiche auto e concessionarie. E quando gli eco-incentivi andranno a regime, la richiesta di nuove targhe sarà ancora maggiore, così come i prevedibili disagi.

targhe-italiane (2)

L’UNASCA chiede rapidità

Ottorino Pignoloni di UNASCA, Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica, lancia l’allarme: ” è una situazione di crescente disagio che vedrà sempre più territori impossibilitati a targare i veicoli mentre gli utenti saranno costretti a subire ritardi per ritirare il veicolo acquistato in prossimità del ponte del 1° maggio; il Poligrafico di Stato consegni le targhe il più presto possibile vista la gravità della situazione.”

Valerio Maura

Print Friendly, PDF & Email