Home > turismo > In vetta con gusto

In vetta con gusto

Il trend estivo in Alta Badia, nel cuore delle Dolomiti, Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO, dà alla vacanza ancora più gusto, potenziando il connubio tra allettanti camminate in quota e il gusto della gastronomia locale. Il tutto attraverso una serie di appuntamenti gourmet, basati sui prodotti tipici dell’Alto Adige/Südtirol.

Trekking in quota, passeggiate lungo i ruscelli di fondovalle, escursioni nei boschi e sui pascoli di alpeggio, ai paesaggi unici dei siti patrimonio dell’Umanità UNESCO ed alle uscite in bicicletta sono l’ingrediente principe della vacanza estiva in montagna, ma l’ ‘estate in Alta Badia propone di scoprire i profumi ed i sapori di questa dolce valle di buongustai con una serie di iniziative che uniscono la vita all’aria aperta ai piaceri della buona cucina:

-Cucina stellata nei rifugi dell’Alta Badia. Nove baite dell’Alta Badia propongono, all’interno del proprio menù, un piatto gourmet. È sicurmante un piatto raffinato, ma allo stesso tempo, semplice e genuino, ideale per essere gustato dopo una sana camminata in quota. Le ricette dal tema “I sapori del bosco”, a base dei migliori prodotti tipici altoatesini, sono state ideate dai Dolomitici, gli chef gourmet dell’Alta Badia, in collaborazione con cuochi stellati, provenienti dalle varie regioni d’Italia. I piatti sono abbinati ad un vino dell’Alto Adige.

-Al Sorgere del sole sulle Dolomiti, colazione in rifugio con prodotti Alto Adige/Südtirol. Da fine luglio a fine agosto il Consorzio Turistico Alta Badia propone un’escursione all’alba con un’esperta guida in cima al Gran Cir. La camminata di 3 ore ca. con un dislivello in salita ed in discesa di 400 m sarà premiata con una ricca colazione a base di genuini prodotti Alto Adige / Südtirol al rifugio Jimmy poco al di sopra del Passo Gardena. Dal rifugio si gode della spettacolare vista sulla Val de Misdé nel gruppe del Sella.

-Apenrosa. Il tramonto sulle Dolomiti è uno spettacolo mozzafiato: le montagne si colorano di una luce dai toni che vanno dal rosa all’arancione e fino al rosso intenso. I ladini la chiamano Enrosadira, letteralmente “divenire di colore rosa”.  A luglio ed agosto alcuni ambienti dell’Alta Badia organizzano l’aperitivo “Apenrosa” – apertitivo all’ora dell’Enrosadira – a base di prodotti Alto Adige/Südtirol. Sarà l’occasione per ascoltare della buona musica, assaggiare sfiziosi formaggi, speck contadino, pane locale e varie specialità tipiche.

-Corsi di cucina ladina al maso Sotciastel. Nella cucina dell’antico maso di famiglia a Sotciastel/Badia si sveleranno i segreti di alcune tipiche ricette della cucina ladina, tramandate di generazione in generazione. Tra “panicia” – la zuppa d’orzo, “bales” – i canederli, “turtres” – le tipiche frittelle ripiene di spinaci e ricotta o crauti,  “strudel” – che non ha bisogno di presentazioni e “furtaies” – dolce fritto a forma di chiocciola. Al termine del corso di una unità (mattinata) si pranza con le pietanze preparate assieme ad Erica.

Corsi di cucina gourmet in piazza con gli chef “Dolomitici”, I Dolomitici, così si chiamano i 3 chef gourmet dell’Alta Badia: Norbert Niederkofler, – 2 stelle Michelin del ristorante St. Hubertus/Hotel Rosalpina a San Cassiano, Arturo Spicocchi – 1stella Michelin del ristorante Stüa de Michil del Hotel Perla di Corvara e  Fabio Cucchelli – chef del ristorante La Siriola/Hotel Ciasa Salares di San Cassiano. Durante la stagione estiva gli chef Dolomitici propongono agli amanti della buona cucina un appuntamento da non perdere: “la tradizione contemporanea dei Dolomitici: piatti di oggi, ingredienti di ieri”. Si tratta di un corso di cucina in piazza al quale potranno intervenire tutti gli interessati. Al termine delle singole lezioni si possono degustare i piatti

Print Friendly, PDF & Email