Home > Automotive > Ecorally San Marino-Città del Vaticano: conclusa l’ottava edizione

Ecorally San Marino-Città del Vaticano: conclusa l’ottava edizione

Una serrata due giorni contro il cronometro all’insegna del basso impatto ambientale e della mobilità sostenibile

P1000290

Concluso ieri a Roma l’ottavo Ecorally Internazionale, prova di Campionato del Mondo FIA per veicoli ecologici che ha ospitato al suo interno, con classifica a parte, il 5° Ecorally Press, riservato ai giornalisti dell’automobile.

Questa competizione si svolge dal 2006 e vede, ogni anno, veicoli di serie o prototipi regolarmente omologati e immatricolati per la normale circolazione stradale e autostradale percorrere arterie aperte alla circolazione. L’Ecorally è inserito nel calendario della FIA Alternative Energies Cup, gestita a sua volta dalla Commissione Energie Alternative della Federazione Internazionale dell’Automobile.

Al di là dell’ovvio ed accanito agonismo – ovvero, della più o meno compassata partecipazione dei concorrenti, in funzione del “mood” con il quale hanno affrontato prove speciali e trasferimenti – lo spirito della manifestazione è stato ben sintetizzato da qualcosa di ancora più tangibile, e concreto. Ed è stato l’interesse suscitato nel numeroso pubblico di fedeli, pellegrini e semplici curiosi che hanno circondato i veicoli partecipanti all’Ecorally.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

CIMG8026

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le automobili – di tutti i tipi, e in qualche caso anche con alcune decine d’anni alle spalle – sono state schierate per circa un’ora, il sabato pomeriggio, nel piazzale della Basilica Inferiore di San Francesco ad Assisi. Scena analoga, il giorno seguente, domenica mattina, a Roma, in Via della Conciliazione. A pochi passi dalla Basilica di San Pietro.

CIMG8035

Due “location” – se possiamo utilizzare questa definizione per due luoghi simbolo della Fede Cattolica Cristiana – che hanno rappresentato una cornice irripetibile per il serpentone di auto che, assieme ai loro equipaggi, ha ricevuto ad Assisi una speciale benedizione da parte del delegato del Custode del Sacro Convento sceso tra auto e concorrenti in gara e domenica mattina hanno assistito all’Angelus di Papa Francesco, e che hanno portato per l’intero percorso un messaggio di sostenibilità a favore della tutela dell’ambiente. 

520 km da San Marino a Roma

A parte qualche mezzo particolarmente preparato per questo tipo di gara (nell’ambito dello specifico regolamento FIA), la maggior parte delle auto ecologiche partecipanti era strettamente di serie, a dimostrazione del fatto che già oggi sarebbe, anzi è possibile muoversi nel quotidiano a basso impatto indipendentemente dalla soluzione tecnica adottata: GPL, metano, idrometano, trazione ibrida, biodiesel, elettrico.

Nei due giorni di gara auto e equipaggi in gara hanno macinato 520 chilometri che includevano 4 prove a velocità media prestabilita di lunghezza variabile fra i 2 ed i 5 chilometri rilevate con fotocellule nascoste nell’ambito di maggiori tratti compresi all’incirca fra i 3 e gli 11 chilometri e 23 pressostati di rilevamento del tempo; se la percorrenza sembra bassa e potrebbe far sorridere chi è avvezzo a coprire quotidianamente distanze ben superiori, bisogna però pensare che il tutto è avvenuto con tempi massimi imposti nei trasferimenti, tempi “secchi” imposti per il passaggio sui pressostati e medie imposte nelle prove segrete; ogni sforamento in più o in meno di tali tempi comportava l’attribuzione di penalità con conseguente spostamento verso l’alto o il basso della classifica sino all’esclusione dalla stessa; trattandosi di prova per il Campionato mondiale della specialità le prove di difficoltà adeguata.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La competizione, svolgendosi su strade aperte al traffico, si è svolta nel rigoroso rispetto delle regole del Codice della strada e, alle difficoltà delle prove si sommavano quelle derivanti dal fatto che le 4 prove segrete, tutte caratterizzate da medie inferiori ai 50 km/h si svolgevano lungo strade disseminate da una quantità consistente di autovelox molti dei quali con una livrea blu con strisce angolari bianco-rosse del tutto simile a quella di alcuni cassonetti destinati alla raccolta differenziata (una somiglianza certamente casuale ma tant’è che anche lì erano in ballo “punti”, sia pure di natura diversa, e soldi: una preoccupazione in più per concorrenti ed organizzatori).

Le prove segrete meritano qualche considerazione: va infatti rilevato che nei tratti entro i quali sono state piazzate le fotocellule per il rilevamento dei tempi di percorrenza, la maggior parte dei concorrenti cercava di mantenere quanto più possibile una velocità fissa il che a volte creava qualche problema ai normali automobilisti che avrebbero voluto viaggiare a velocità superiori. Se la media imposta era, ad esempio, di 40 km/h su un tratto di strada, magari con autovelox e limite di 50 km/h, tutto sommato poco male. Ma se questo avveniva su strade con limite fissato a velocità superiore ai 50 km/h, e con “divieto di sorpasso” – spesso apparentemente ingiustificato, vista la presenza di lunghi rettilinei – la circostanza poteva diventare imbarazzante: e tutto questo, avendo partecipato con un Ducato Bi-fuel della Landi Renzo (sul cui comportamento vi riferiremo a parte) lo abbiamo potuto constatare di persona.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Verifiche e pronti per la gara

Tornando alla cronaca della gara vera e propria questa, dopo le verifiche del venerdì pomeriggio, nel corso delle quali i Commissari tecnici hanno preso nota del chilometraggio a tachimetro ed hanno sigillato i serbatoi, è scattata alle 8.01 di sabato 19 da San Marino che gli equipaggi hanno lasciato a distanza di un minuto l’uno dall’altro; il percorso – al quale è stato data l’evocativa denominazione “Sulle orme di Francesco” – si è snodato verso Villa Verucchio (RN), nei pressi del Convento francescano dei Frati Minori, San Leo (RN) in ricordo del dono del monte della Verna, Pieve Santo Stefano (AR) e il convento di Cerbaiolo, La Verna-Santuario (AR), Arezzo, Gubbio, luogo dell’incontro con Fratello Lupo e Assisi, centro mondiale del francescanesimo, per concludersi poi a Civita Castellana.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Domenica mattina gli equipaggi hanno effettuato le ultime prove dirigendosi infine verso Roma, con arrivo conclusivo in Via della Conciliazione (Piazza San Pietro).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le classifiche della manifestazione

8° Ecorally

POSIZIONE

TEAM

EQUIPAGGIO

MEZZO

Ecomotori Racing Team

Massimo Liverani

Valeria Strada

Fiat Abarth 500 a metano

Ecomotori.net

Nicola Ventura

Monica Porta

Fiat Abarth 500 a GPL

Scuderia

Regolaristi Sammarinesi

Stefano Pezzi

Valentino Muccini

Fiat Bravo a metano

 5° Ecorally Press

POSIZIONE

TEAM

EQUIPAGGIO

MEZZO

 

Nicola Ventura

Monica Porta

Fiat Abarth 500

Centro di Guida Sicura

ACI-Sara di Vallelunga

Paolo Benevolo

Fabrizio Giamminuti

Toyota Auris Hybrid

Punto Gas

Roberto Chiodi

Oliviero Beha

Renault R4 a GPL

Assegnati inoltre:

  • Il Trofeo Nello Rosi, in collaborazione con Unione Gas auto, Gas Auto Sud e Vulcangas a Sergio Barducci, Capo redattore San Marino RTV e al figlio Alessandro, in gara con una Citroën C1 a GPL messa a disposizione da Imega.
  • Il premio speciale per l’impegno a favore della mobilità sostenibile a Rai 1, che ha seguito le ultime due edizioni dell’Ecorally con la trasmissione motoristica Easy Driver; trofeo ritirato a Roma dal vice-Direttore di Rai 1 Ludovico Di Meo.

Con l’Ecorally San Marino-Città del Vaticano, ultima gara in programma per i campionati energie alternative, sono state definite le seguenti classifiche: 

Classifica internazionale Trofeo FIA Energie Alternative

[Categorie VII&VIII – veicoli ibridi e ad altre Energie Alternative] 

Conduttori:

1° Massimo Liverani (Ecomotori Racing Team)

2° Guido Guerrini, (Team Imega Corse)

Navigatori:

1° Fulvio Ciervo (Ecomotori Racing Team)

2° Francesca Olivoni (Team Imega Corse) 

Coppa F.I.A. Energie Alternative Costruttori [Categorie VII&VIII] 

1° Abarth, che torna a vincere un mondiale marche dopo 46 anni 

1° e 2° classificati

Classifica italiana

Campionato Italiano Energie Alternative-Regolarità [Categorie VII&VIII] 

Conduttori:

1° Massimo Liverani (Ecomotori Racing Team)

2° Guido Guerrini (Team Imega Corse)

Navigatori:

1° Valeria Strada (Ecomotori Racing Team)

2° Andrea Fovana (Pro Motor Sport) 

Classifica San Marino

Campionato Sammarinese Energie Alternative-Regolarità [Categorie VII&VIII]

Conduttori:

1° Stefano Pezzi (Regolaristi Sammarinesi)

Navigatori:

1° Valentino Muccini (Regolaristi Sammarinesi)

Un’ultima annotazione: questa è stata l’ultima volta in cui l’Ecorally si è corso in ottobre. Dal 2014 si cambia data: la prossima edizione si svolgerà nel mese di maggio.

Giovanni Notaro

Print Friendly, PDF & Email