Home > DueRuote > Moto > Weekend Superbike in Francia

Weekend Superbike in Francia

Si torna nel vecchio continente per la fine di questa Superbike 2013. Il tracciato di Magny-Cours ospita il round n° 13, penultima gara di questa stagione. In lizza per la vittoria finale sono sempre i soliti quattro piloti: Sykes, Laverty, Guintoli e Melandri

copertina

Nella campagna francese, vicino alle cittadine di Magny-Cours e Nevers, si trova il circuito automobilistico che a partire dal 1991 è stato la sede del Gran Premio di Francia di Formula 1 e dal 2000 della Bol d’Or di motociclismo. Fu costruito nel 1960 da Jean Bernigaud, ma negli anni ottanta la pista era ormai in completo abbandono fino a quando il consiglio dipartimentale della Nièvre non acquistò la pista per portarla a livelli internazionali ed ospitare la principale gara nazionale. Molte delle curve del tracciato attuale hanno il nome di altri circuiti, come la veloce curva Estoril o il tornantino Adelaide. Le curve denominate in questo modo riproducono solitamente l’andamento di curve presenti in tali circuito. Sebbene dotato di un asfalto molto liscio e regolare, l’autodromo è però tra i meno amati in quanto non fornisce opportunità di sorpasso ed è situato in una regione difficile da raggiungere e senza attrattive ulteriori. Nei primi anni ottanta è stato oggetto d’importanti ristrutturazioni che hanno reso il tracciato più guidabile per migliorare le difficoltà di sorpasso. Dopo i lavori di espansione pochi i ritocchi subiti dal tracciato nel corso degli anni. Pista difficile e ostica che regala un buono spettacolo e un fascino puramente transalpino. La gara di casa potrebbe risvegliare il pilota del Team Aprilia Sylvain Guintoli per cercare di recuperare i punti persi nella precedente gara. Potrebbero sfruttare il fattore casalingo anche Julez Cluzel (Fixi Suzuki) e Loris Baz (Kawasaki Racing Team); quest’ultimo potrebbe aiutare il proprio compagno di squadra Sykes leader della classifica iridata.

Kawasaki

kawasaki

Tom Sykes arriva in terra francese al comando della classifica con 23 punti di vantaggio. Le sue precedenti apparizioni su questo tracciato sono ottime. Centrò lo scorso anno una vittoria e un terzo posto sfiorando il mondiale di 0,5 punti, poi vinto dal nostro Max Biaggi. Conosce bene il tracciato e può sfruttare l’esperienza acquisita in passato per guadagnare punti preziosi. Inoltre, potrebbe avere un piccolo aiuto dal suo compagno di box Loris Baz che torna a correre proprio nella gara di casa dopo un periodo di stop per guai fisici.

Aprilia

aprilia

Il Team Aprilia si gioca tutte le carte in questo gran premio, sia per la classifica piloti che per costruttori che lo vede in testa sulla rivale Kawasaki. Entrambi i centauri Guintoli e Laverty possono ancora vincere il titolo e godono di ottimi pronostici. Il primo è il più favorito di tutti, vinse lo scorso anno gara 1 e ottenne un ottimo secondo posto, sfruttando al massimo il fattore casalingo; secondo noi è lui l’uomo da battere. Il compagno di squadra invece non ha mai vintoui  qui in Francia ma gode di ottima forma e di morale alle stelle per le ottime performance a Laguna Seca.

BMW

bmw

È forse il team che arriva a Magny-Cours con meno chance di vittoria rispetto ai rivali. Solo Marco Melandri gode di pronostici più favorevoli con tre secondi posti ottenuti nelle precedenti edizioni superbike, ma non ha ottenuto nessuna vittoria. Il britannico Chaz Davies non ha mai ben figurato ma è un pilota molto combattivo e potrebbe giocarsi un jolly a noi sconosciuto.

Suzuki

suzuki

Ormai sta diventando la quarta forza di questo mondiale. Il piccolo francese Julez Cluzel gioca in casa e finora ha sempre progredito ottenendo piazzamenti importanti con una moto molto inferiore alle concorrenti. Non ci sentiamo di darlo favorevole per la vittoria, ma forse lo vedremo lottare per le prime posizioni e cercherà sicuramente di raggiungere almeno lo scalino più basso del podio. Tornerà a correre Leon Camier assente da tre gare per l’infortunio alla cervicale rimediato in Germania.

Honda

honda

Leon Haslam è uno dei piloti più esperti di questo tracciato e può vantare le buone performance del passato per cercare di avvicinarsi al podio. Solo la salute, e una moto poco veloce, possono fermalo nella speranza di ritrovare il pilota britannico nelle prime posizioni. Ci aspettiamo sempre che il cambio di sella voluto da Michael Fabrizio porti a lui, e ai colori italiani, qualche risultato di rilievo. Risultati che il pilota romano non ha mai ottenuto qui in Francia.

Ducati

ducati

Da prima della classe per più di 15 anni di Superbike, è diventata il fanalino di coda di questo campionato. Orfana di Carlos Checa la Panigale sarà guidata di nuovo da Niccolò Canepa che ha ben figurato nella precedente gara di Laguna Seca. Sorte contraria per Ayrton Badovini in grande sofferenza per tutta la stagione soprattutto per le continue cadute. Rivedremo una Ducati sul podio?

Stefano Rondinelli

Venerdì 4 ottobre 2013

Prove libere: ore 11.45

Qualifiche: ore 15.30

gilrs2

Sabato 5 ottobre 2013

Qualifiche: ore 9.45, Diretta Italia 2

Prove Libere: ore 12.30 – Diretta Italia 2

Superpole (1): ore 15.00 – Diretta Italia 1 e Italia 2

Superpole (2): ore 15.20 – Diretta Italia 1 e Italia 2

Superpole (3): ore 15.40 – Diretta Italia 1 e Italia 2

gilrs1

Domenica 6 ottobre 2013

Warm-up: ore 9.20 – Diretta Italia 2

RACE 1: ore 12.00 – Diretta Italia 1 e Italia 2

RACE 2: ore 15.30 – Diretta Italia 1 e Italia 2

 

Print Friendly, PDF & Email