Home > DueRuote > Moto > Aragón apre le porte alla MotoGp

Aragón apre le porte alla MotoGp

Ci ritroviamo per il quattordicesimo round del motomondiale in terra spagnola nel moderno circuito di Aragón. Nuova battaglia per i “tre moschettieri spagnoli” che correranno domenica 29 settembre la gara di casa e tutti vogliono ben figurare sfruttando il calore dei propri tifosi

Copertina

Il circuito spagnolo di Aragón, lungo 5.077 metri e composto da 17 curve, è stato progettato dall’architetto tedesco Hermann Tilke. È un tracciato giovane, costruito nel 2009 grazie al supporto delle istituzioni locali. Dal 2010, anno di inaugurazione, è stato inserito nel calendario della classe regina sostituendo il Gran Premio d’Ungheria e da allora è uno dei circus più amati dai piloti della motoGp essendo molto sicuro e divertente.

La storia di questo Campionato del mondo vede ormai pagine scritte solo dal trio spagnolo Marquez, Lorenzo, Pedrosa. Per ora è Marquez, “il piccolo diavolo”, che comanda la classifica seguito dai due connazionali entrambi con 34 punti. Mancando ancora cinque gare all’attivo, la vittoria potrebbe essere alla portata di tutti e tre. Dani Pedrosa è forse l’unico leggermente più “spento” rispetto a Jorge Lorenzo reduce da due vittorie e a Marc Marquez sempre incisivo e in forma in ogni situazione. Apriamo i nostri pronostici e vediamo chi ha ottenuto i migliori risultati qui ad Aragón.

Marc Marquez

Marquez

Rimane sempre il leader della classifica. Guida la sua Honda Rcv-213 con la sicurezza di un pilota esperto, pur essendo un debuttante. Comanda la moto e fa con essa tutto ciò che desidera, confermando che la dirigenza Honda ha fatto molto bene a puntare su di lui. Per ora ad Aragón vi ha corso solo in Moto 2 ottenendo un primo e secondo posto. Ottimi risultati per sfruttare l’esperienza accumulata e provare a vincere quella che potrebbe essere la sua sesta vittoria in questa motoGp 2013.

Jorge Lorenzo

lorenzo

Viene da due vittorie consecutive conquistate con la grinta e la classe di un Campione del Mondo. Lorenzo non molla mai e lo ha dimostrato nel precedente gran premio di Misano dove ha vinto in volata una gara importantissima. La sua M1 ha giovato di aggiornamenti importantissimi e le ottime performance lo hanno dimostrato. Anche se con il morale alle stelle “Martillo”, qui ad Aragón, dovrà lottare con dei pronostici poco favorevoli avendo ottenuto solo due podi e mai una vittoria. Ha da colmare questo tabù con quella che resta pur sempre una gara di casa. Ma questo potrebbe essere un fattore che può risvegliare in lui la voglia di primeggiare.

Dani Pedrosa

pedrosa

Come detto, il piccolo Dani è l’unico leggermente indietro rispetto ai due rivali. I fattori scatenanti possono essere tanti. Di certo noi non sappiamo cosa ci sia nella testa di Pedrosa, che manca dal gradino più alto del podio dal lontano 19 maggio, giorno del Gran Premio di Le Mans. Sembra essere lì vicino, ma non arriva mai quel pizzico di grinta in più che occorre. Grinta che ha già dimostrato in passato ottenendo una vittoria e due podi su questo tracciato, quindi “El Pedro” potrebbe ben figurare.

Valentino Rossi

Rossi

Ormai sperare in un podio è pura utopia e la strada per arrivarci è decisamente in salita. I tre spagnoli hanno sicuramente energie più giovani, e inoltre Valentino non ha ancora trovato il bandolo della matassa della sua M1. Forse serve un po’ di coraggio per cambiare qualcosa… La sua moto ora adotta il famoso cambio “seamless” come le Honda, ma la situazione non è cambiata, anzi nella scorsa gara di Misano tutti speravano che il fattore “casa” portasse giovamento. Purtroppo non è stato così, un altro quarto posto deludente. Ora è la volta di Aragón ma i pronostici non sono buoni visto che non è stato mai a podio e mai incisivo. Bisogna cambiare!

Cal Crutchlow

crutchlow

Ormai si è smarrito! Ha perso la grinta che l’ha sempre contraddistinto? Un po’ di problemi fisici hanno influenzato le sue performance ma sembra che dalla firma con Ducati il pilota si sia rilassato troppo. La storia del britannico è poco brillante e racconta di un quarto posto lo scorso anno e di un nono l’anno precedente. Speriamo che Cal possa realizzare una prestazione da campione.

Stefano Rondinelli

Orari TV [Aragón”, Spagna 2013]
cartinaPista

VENERDI’ 27 SETTEMBRE 2013

Prove libere 1: ore 9.55 – Diretta Italia 2

Prove libere 2: ore 14.05 – Diretta Italia 2

Girls1

SABATO 28 SETTEMBRE 2013

Prove Libere 3: ore 9.55 – Diretta Italia 2

Prove Libere 4: ore 13.30 – Diretta Italia 1 e Italia 2

Qualifiche: ore 14.00 – Diretta Italia 1 e Italia 2

Gilrs2

DOMENICA 29 SETTEMBRE 2013

Warm-up: ore 9.40 – Diretta Italia 1

Gara: ore 14.00 – Diretta Italia 1

scheda1_Brembo Aragon

scheda2 Brembo Aragon

Si ringrazia Brembo per i dati forniti

Print Friendly, PDF & Email