Home > DueRuote > Moto > Sabato 29 la MotoGp corre il TT Iveco di Assen

Sabato 29 la MotoGp corre il TT Iveco di Assen

La classe regina approda in uno dei circus più antichi del mondiale con “El Pedro” e “Martillo” pronti a darsi battaglia per la leadership del campionato mentre  Marquez, Rossi e Crutchlow affilano le armi per rovinare la festa dei due spagnoli

copertina2

Siamo in dirittura d’arrivo per il Gran Premio D’Olanda, soprannominato l’università delle due ruote per la storia e soprattutto per le ristrutturazioni che ha subito il circuito concepito solo ed esclusivamente per le due ruote. È formato da una serie di curve veloci medie e lente nella pianura olandese. Molti i tifosi che accorrono essendo uno dei gran premi più attesi d’Europa e non solo… Il circuito è nato nel 1925, per circa 30 anni vi si è corso un Tourist Trophy molto famoso a quei tempi. Seguirono varie ristrutturazioni fino ad arrivare all’attuale pista e per questo viene chiamato il TT Circuit Assen. È l’unico circuito su cui si corre ininterrottamente una prova del motomondiale dal 1949. La gara si svolge sempre l’ultimo sabato di giugno come ricordo delle vecchie gare del passato. 

gilrs2

Dani Pedrosa

pedrosa“El Pedro” viene dal secondo posto della Catalogna dove ha un po’ deluso. Partito in pole con un giro stratosferico è stato battuto dal connazionale Lorenzo che gli si avvicina in classifica a 7 punti pur rimanendo leader del Mondiale. “El Pedro” spesso ha dei cali, non è mai stato un pilota costante, ma a volte è complice anche l’assetto della sua moto. Qui ad Assen ottenne una sola vittoria in 125 nel 2002 e tre secondi posti, non ha mai vinto una gara con una MotoGp, speriamo possa sfatare questo tabù. 

Jorge Lorenzo

lorenzo“Martillo” viene da due vittorie consecutive dove ha sfoggiato la sua perfetta sintonia sulla M1, sembra un robot che guida una moto perfetta. Negli ultimi test di Aragon sembrava apparire in difficoltà ma poi alla fine ha dato la sua solita zampata ed ha ottenuto anche lì il miglior tempo. Qui ad Assen ha collezionato quattro vittorie e due podi. L’uomo da battere è lui! 

Marc Marquez

Marquez“Il piccolo diavolo” se non fosse caduto al Mugello ora sarebbe anche lui a  pochi punti da Dani Pedrosa; in Catalogna è partito male, in sesta posizione, poi come un “diavolo” ha recuperato subito posizioni ingaggiando una battaglia con il suo capitano di box. Ha le doti per battere tutti ma forse serve ancora un po’ di esperienza, la troppa foga a volte può far sbagliare. Il campionato è ancora lungo quindi deve farsi trovare pronto a sfruttare qualsiasi errore dei suoi rivali. Qui ad Assen ha vinto tre gare su cinque. Attenzione al “piccolo diavolo”! 

Valentino Rossi

rossi“The Doctor” deve assolutamente curare la sua M1 che ha evidenti problemi di bilanciamento. Soffre molto con l’anteriore e si spera possa risolvere presto tutti i problemi;  anche se in settimana ha lasciato intendere che forse l’età sta giocando in suo sfavore, è lui l’uomo delle sfide e spesso ha smentito gli scettici e poi stupire. Come al solito è lui il re anche di questo circuito, grazie anche alla sua lunga carriera, ha ottenuto ben sette vittorie e tre podi speriamo questi numeri possano aumentare… 

Cal Crutchlow

crutclhowCal è ormai una seconda guida Yamaha ma non ufficiale, quindi i complimenti li merita. Dotato di grande grinta, è al quarto posto nella classifica iridata battendo Rossi e Dovizioso. Ha ottenuto un secondo posto in Catalogna in pole position, poi però è caduto in gara. Le sue affermazioni sono poco costanti. Se avesse una moto ufficiale e fosse più “cauto” forse… Per ora ad Assen non ha mai ottenuto risultati di rilievo ma vorrà riscattare sicuramente la precedente gara… Attenzione! 

Andre Dovizioso

ducati
La Ducati lavora, lui anche. Ma i risultati non sono buoni, la moto spesso in prova va bene, ma qui secondo noi è il “Dovi” che ci mette del suo. Poi in gara svanisce nel nulla, soffre e perde posizioni. I suoi piloti hanno ben spiegato quali sono i problemi e si aspettano aggiornamenti importanti. I segnali però non sono rassicuranti, la moto “nuova” nei test post-gara in Catalogna non ha ben figurato e il “Dovi” ha affermato che serve un cambio di programma. Speriamo che la casa di Borgo Panigale senta di più i piloti e segua  le loro indicazioni. Per ora il nostro Andrea arriva ad Assen con tre podi alle spalle. Speriamo nel quarto! 

Suzuki addio!

suzukiIl tanto atteso ritorno della casa di Hamamatsu nel 2014 è pura utopia. Dopo i test della Catalogna e di Aragon, dove la neo-nata MotoGp di casa Suzuki ha corso con le sue probabili rivali, ha deciso di sospendere il ritorno alle corse previsto per il prossimo anno. Decisione che è stata presa per il cambio di regolamento che la MotoGp subirà il prossimo anno, dove tutte le moto adotteranno la centralina unica Magneti Marelli. Avendo la Casa giapponese sviluppato la propria elettronica con Mitsubishi, deve per forza rinviare il tanto atteso ritorno alle corse.

Stefano Rondinelli

Orari TV [“Assen” Gran Premio d’Olanda 2013]

GIOVEDI’ 27 GIUGNO 2013

Prove libere 1: ore 9.55

Prove libere 2: ore 14.05

VENERDI’ 28 GIUGNO 2013

Prove Libere 3: ore 9.55

Prove Libere 4: ore 13.30, Diretta Italia 1

Qualifiche: ore 14.00, Diretta Italia 1

gilrs1SABATO 29 GIUGNO 2013

Warm-up: ore 9.40, Diretta Italia2

Gara: ore 15.00, Diretta Italia 1

Print Friendly, PDF & Email