Home > Automotive > GUIDA PIÚ SICURA CON I NUOVI TOMTOM ACTIVE DRIVER FEEDBACK E WEBFLEET OPTIDRIVE

GUIDA PIÚ SICURA CON I NUOVI TOMTOM ACTIVE DRIVER FEEDBACK E WEBFLEET OPTIDRIVE

Da TomTom Business Solutions arrivano i nuovi Active Driver Feedback e WEBFLEET OptiDrive™, due nuovissimi servizi che garantiscono maggiore sicurezza a chi guida e maggiori benefici ed efficienza per le aziende.

 Il nuovo Active Driver Feedback assicura infatti una guida ancora più sicura, fornendo, attraverso i dispositivi di navigazione TomTom PRO, un feedback immediato ai conducenti sulle loro performance al volante. WEBFLEET OptiDrive™ offre invece alle aziende uno strumento semplice e immediato per facilitare i propri conducenti a guidare nel totale rispetto dell’ambiente.

 “Crediamo fermamente che dare maggiore sicurezza agli automobilisti sia la chiave di successo nella promozione di una politica di guida più sicura”, sostiene Thomas Schmidt, Amministrazione Delegato TomTom Business Solutions. “La funzionalità Active Driver Feedback pone davvero l’automobilista come focus principale delle imprese, per migliorare quindi la sicurezza e l’efficacia su strada”

 Entrambe le nuove funzionalità sono studiate specificamente per il problema del consumo di carburante e dello stile di guida, sia ad alte che a basse velocità.

 Le caratteristiche di Active Driver Feedback includono: Informazioni sul consumo di carburante visualizzate nella barra di stato. Indicazioni per il conducente quando accelera, sterza, frena o è in folle.

Menu di Eco Statistiche che fornisce al conducente una sintesi delle performance di guida durante un determinato periodo di tempo (viaggio, giorno, totale).

 WEBFLEET OptiDrive™ fornisce invece dati utili ai fleet manager attraverso grafici chiari e report dettagliati. L’indicatore OptiDrive, per esempio, è una barra che permette con facilità di visualizzare le variabili tra cui velocità, efficienza del carburante e lo stile di guida. L’indicatore può essere impostato in base alle priorità di ogni azienda, semplicemente regolando il peso relativo delle singole variabili.

Print Friendly, PDF & Email