Home > DueRuote > Moto > Nuova Suzuki Gladius

Nuova Suzuki Gladius

Studiata per avvicinare alle moto un pubblico neofita e femminile, ma non solo

 

  • suzuki-gladius-1
  • suzuki-gladius-2
  • suzuki-gladius-3
  • suzuki-gladius-4
  • suzuki-gladius-5
  • suzuki-gladius-cup-6
  • suzuki-gladius-cup-7
  • suzuki-gladius-cup-8

 

La nuova Suzuki Gladius, costruita nel 2009 ed oggetto oggi di restyling, è una moto naked entry level, leggera semplice e polivalente. Caratteristiche che strizzano l’occhio al gentil sesso e ai non esperti.

Motore e ciclistica

Questa moto andò a sostituire la vecchia SV 650 utilizzando il suo ottimo propulsore bicilindrico da 645 cc, un DOHC V-Twin a 90 gradi. Ottima la risposta al gas molto rapida e con un’erogazione lineare. La Suzuki ha anche dotato la “piccola” Gladius del suo originale sistema SDTV (Suzuki Dual Throttle Valve) a doppia farfalla e degli iniettori con un ingresso a 10 fori del combustibile per ottimizzare la nebulizzazione dello stesso. I cilindri, inoltre, sono stati trattati con il sistema SCEM (Suzuki Composite Eletrochemical Materials) tecnologia che migliora lo scorrimento e l’attrito dei pistoni la tenuta degli stessi e il trasferimento termico. Tutto ciò va a vantaggio non solo nell’indiscutibile affidabilità dei motori Suzuki, ma soprattutto in termini di consumi ed emissioni in atmosfera.

Il telaio, disponibile in colorazioni diverse, è un ottimo traliccio in acciaio che rende snello e filante questo modello dal design semplice ed affascinante.

L’impianto frenante è stato rivisto e monta dei dischi flottanti da 290 mm e pinze a doppio pistoncino all’anteriore e da 240 mm al posteriore con un pistoncino singolo. Come optional la casa di Hamamatsu ha dotato questo modello anche di un ottimo ABS e di uno scarico Yoshimura che verranno montati di serie fino al mese di giugno ad esaurimento scorte.

Design

Rimane il design “sbarazzino” e decisamente “simpatico” del precedente modello, esteticamente si notano solo delle colorazioni diverse e qualche piccolo nuovo accorgimento. I colori sono il grigio metallizzato e nero abbinato al telaio rosso, ed il bianco ghiaccio è stato accostato al blu Suzuki, ed infine un inedito nero opaco. Rivista la strumentazione e ridisegnata con inserimento del conta marcia e reso tutto molto più snello e semplice.

Gladius è anche per piloti

Suzuki, anche con questa piccola moto, esprime il suo spirito da gara che ha sempre contraddistinto la Casa giapponese negli anni. Nel 2010 si è partiti con l’ormai famoso trofeo monomarca “Gladius Cup”. Ad un costo decisamente abbordabile, 2.400 euro + iva per i nuovi iscritti e a 1.400 euro + iva per i partecipanti degli anni precedenti. Il tutto prevede un kit racing per modificare il proprio modello e la partecipazione alle gare per tutta l’Italia compresa una hospitality che segue i piloti in ogni gran premio.

Tutto ciò è stato reso possibile grazie anche alla collaborazione tra Suzuki Italia e la FMI (Federazione Motociclistica Italiana). Ricchissimo il montepremi che è stato assegnato ai primi tre della classifica totale: per il primo classificato una Suzuki Alto; al secondo una Suzuki GSR600.2, versione racing della nota naked, e al terzo uno scooter a ruote alte SIXteen 150. Inoltre, vincite in denaro ad ogni gara (1° posto 500 euro, 2° 300 euro, 3° 200 euro).

La nuova Gladius è in vendita alla cifra di 5.890 euro, una cifra molto allettante in un momento in cui gli euro nelle tasche scarseggiano…

Stefano Rondinelli

 

 

Scheda Tecnica [ Suzuki Gladius ]


Prezzo: 5.890 euro

Prodotta dal 2009, restyling 2013

Tempi: 4

Cilindri: 2

Cilindrata: 645 cc

Raffreddamento: a liquido

Avviamento: Elettrico

Potenza: 72 cv (53 kW) a 8.400 giri/min

Marce: 6

Freni: D-D

Misure freni: 290-240 mm

Misure cerchi (ant. / post.): 17” / 17”

Normativa antinquinamento: Euro3

Altezza sella: 785 mm

Peso: 202 kg

Capacità serbatoio: 14,5 l

Segmento: Naked

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email