Home > Cielo > easyJet ancora più rispettosa dell’ambiente con il nuovo A321neo

easyJet ancora più rispettosa dell’ambiente con il nuovo A321neo

Come preannunciato il 16 maggio 2017 dall’allora CEO di easyJet Carolyn McCall, la settimana scorsa al Farnborough Air Show è stato consegnato alla compagnia low cost inglese un Airbus A321neo, primo dei 29 esemplari ordinati al costruttore di Tolosa 

Alla presenza del Segretario di Stato britannico per i trasporti Chris Grayling, l’A321neo è stato consegnato dal CEO di Airbus Tom Enders al nuovo CEO di easyJet Johan Lundgren.

Con una capienza di 235 posti, l’A321neo è il più grande aereo della flotta easyJet che conta attualmente oltre 300 aeromobili tra A319 da 156 posti, A320 da 180 e 186 posti.

L’A321neo avrà base presso l’aeroporto di Londra Gatwick e per questa estate opererà sulle rotte turistiche verso Agadir, Alicante, Atene, Faro Fuerteventura, Lisbona e Malaga; dal 3 settembre verso Vienna e da ottobre verso Malta, Tenerife Sud e Las Palmas.

Motori360.it-easyJet-A321neo-05

Livrea «Orange», ma sempre più «green»

L’A321neo è spinto da 2 motori turbofan di ultima generazione CFM LEAP-1A prodotti dalla Safran Aircraft Engines. Più leggeri di 227 kg ciascuno rispetto al modello precedente e più aerodinamici, questi propulsori LEAP (Leading Edge Aviation Propulsion) sono dotati di compressori rotativi premiscelatori gemellari (TAPS II) di seconda generazione che consentono di ridurre del -50% le emissioni di NOx; ma anche del -15% il consumo di carburante e del -50% l’impatto acustico, a tutto vantaggio del comfort dei passeggeri e soprattutto di coloro che abitano nelle vicinanze degli aeroporti. Con questi valori easyJet continua a diminuire le emissioni di NOx mile/passenger, scese dal 2000 del -32% e che entro il 2022 si propone di ridurre ulteriormente fino al -38%.

 [ Paolo Pauletta ]

 

 

Print Friendly, PDF & Email