Home > Automotive > Dodge Charger, da berlina 4 porte per famiglia a muscle car

Dodge Charger, da berlina 4 porte per famiglia a muscle car

Facelift per la Charger Model Year 2019 che si presenta con un nuovo frontale, nuovo cofano motore, nuovi cerchi da 20″ e miglioramenti meccanici per esaltare ulteriormente le prestazioni degli esuberanti motori che vanno dai 292 cavalli del 3,6 litri V6 Pentastar ai 707 cavalli del V8 Hemi Hellcat da 6,2 litri

Come avevamo già anticipato, dal 2020 la Dodge Charger si presenterà totalmente rinnovata e beneficerà del pianale della Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, per intanto Dodge ha svelato la Charger Model Year 2019 che si presenta aggiornata in alcuni particolari estetici e con qualche miglioria meccanica per esaltare le prestazioni pur mantenendo le stesse motorizzazioni.

Le versioni, per così dire, entry level, cioè la GT e SXT sono equipaggiate con il motore V6 aspirato da 3,6 litri Pentastar che nella GT, dotata ora un nuovo tipo di trazione posteriore, eroga 292 cavalli per una velocità massima contenuta in 210 km/h, mentre nella SXT, anche con la trazione integrale, produce 300 cavalli.

Salendo di gamma si prende contatto con le muscle car, riconoscibili per le 2 piccole prese d’aria ai lati della mascherina a nido d’ape. La prima è la Charger R/T con il V8 da 5,7 litri e 370 cavalli e 240 km/h, l’altra è la nuova Charger R/T Scat Pack sorpresa pochi giorni fa nei pressi dello stabilimento di Dearborn, con il V8 Hemi da 6,4 litri e 485 cavalli; rispetto alla R/T evidenzia alcuni particolari condivisi con la più potente SRT, tra questi, il cofano motore e i sottoporta laterali. Anche il logo R/T sui parafanghi e dietro, è stato sostituito con l’emblema Scat Pack Bee. Per questa versione Scat Pack, disponibile con una diversa gamma colori per la carrozzeria, i clienti possono optare per un tipo di sospensioni adattive Bilstein regolabili tra le modalità Auto, Sport e Track, inoltre sul cruscotto è stato inserito un altro pulsante per il controllo dell’accelerazione da fermo.

Top di gamma la Charger SRT Hellcat, una belva da 707 cavalli con il V8 Supercharged di 6,2 litri, lo stesso del modello uscente, ma rivisto con alcune soluzioni condivise con la 2 porte Challenger SRT Demon. Per esempio è stato inserito l’After-Run Chiller per raffreddare il turbo a vettura ferma ed evitare dannosi shock termici; inoltre il Torque Reserve, in breve un anti-lag per il turbo compressore che manifesta la sua efficacia nelle partenze «a palla».

Optional per la SRT le ruote forgiate da 20″ Brass Monkey, cofano motore Satin Black e rivestimenti in Alcantara.

Altri aggiornamenti optional riguardano la Charger 2019 a seconda del modello, per esempio per la SXT, SXT AWD, GT e R/T è disponibile un Winter Pack con riscaldamento per i sedili anteriori, volante e specchi retrovisori esterni. Per la SXT e SXT AWD si possono richiedere i sedili con la parte centrale rivestita in tessuto Houndstooth (di serie su GT, R/T e Scat Pack), mentre i rivestimenti full Leather saranno rifiniti con nuove cuciture a vista. Dal vasto catalogo Dodge Performance Pages si può richiedere il sistema di infotainment Uconnect con schermo da 8,4″, sedili avvolgenti di tipo sportivo e cerchi Satin Carbon da 20″.

[ Paolo Pauletta ]

 

Print Friendly, PDF & Email