Home > Mare > Argos Nautic 330 Jet, il tender di lusso per yacht da 15 a 21 metri

Argos Nautic 330 Jet, il tender di lusso per yacht da 15 a 21 metri

Può trasportare 5 persone e grazie al suo motore turbo con idrogetto può raggiungere la velocità massima di 48 mph

Motori360-Argos-Nautic-330-Jet-02

Presentato al Miami Yacht Show 2018, il 330 Jet è il primo modello della linea Jet prodotto dal cantiere Argos Nautic di Miami (Florida), rinomato per l’eleganza e l’accurata rifinitura dei suoi gommoni.

La raffinatezza del design e cura dei dettagli del 330 Jet sono opera dall’architetto e designer Andrea Colli, CEO dello studio H3O di Arcore (MI) e del suo team che hanno progettato questo tender rivolto specificatamente per yacht da 15 a 21 metri.

Avendo una lunghezza di 3 metri e un peso di soli 340 kg completamente attrezzato, compreso il serbatoio integrato di carburante da 38 litri, il 330 Jet può facilmente trovare spazio nei garage di poppa o sulle gruette.

Il 330 Jet crea un nuovo step nella categoria, non un semplice tender, ma un gommone top class con componenti raffinate e dettagli realizzati con cura artigianale per creare una barca di lusso senza compromessi. La personalizzazione è totale e ogni armatore può miscelare i colori dei tubolari in modo da armonizzare il tender al proprio yacht.

Il comfort per i 5 passeggeri non ha uguali, c’è anche un frigorifero, e sulla poppa anche 2 piattaforme con scaletta retrattile in acciaio inox per le attività balneari.

Il motore è un bicilindrico turbo intercooler Textron 850 MPE. La cilindrata è di soli 846 cc, ma con una potenza è di 120 cv per azionare l’idrogetto e raggiungere le 48 mph.

Motori360-Argos-Nautic-330-Jet-08

In occasione della consegna dell’Award al Boating Industry 2018 Top Products, il Responsabile vendite e marketing di Argos Nautic, Patrick Sullivan, ha dichiarato: “È un onore aver ricevuto questo premio, il 330 Jet è il perfetto connubio tra stile raffinato, design accurato e prestazioni incredibili, inoltre risolve gli annosi problemi di spazio per molti armatori”.

[ Paolo Pauletta ]

 

Print Friendly, PDF & Email