Home > Automotive > Grand Cherokee Track Hawk, provata in circuito la belva da 700 cavalli!

Grand Cherokee Track Hawk, provata in circuito la belva da 700 cavalli!

Abbiamo guidato in anteprima sulla pista di collaudo di Balocco uno tra i primi esemplari della Jeep più potente di sempre dotata del propulsore da 6,2 litri Hemi Hellcat

Se facciamo la conversione dei 707 hp dichiarati da Jeep per la Grand Cherokee Track Hawk equipaggiata con il poderoso V8 da 6,2 litri Hemi Hellcat, risultano 716,8 cavalli, ma che importa, cavallo più o cavallo meno, i 700 cv dichiarati in occasione di questo primo contatto a Balocco, sono comunque un’enormità.

Seduti al posto di guida, con la consapevolezza di avere a disposizione 700 cavalli sotto il cofano crea una certa emozione. Premuto il pulsante di accensione, gli 8 cilindri iniziano a ruggire con una sonorità che solo un V8 americano sa offrire! Visto che dobbiamo girare in pista spostiamo la leva del cambio in modalità Manuale e ruotiamo il pomello che si trova al centro del tunnel per selezionare la modalità di guida Sport; in questo modo andiamo a modificare assetto e risposta di cambio e sterzo.

Motori360-Jeep-Grand-Cherokee-Hemi-6.2-700cv-08

Un SUV da pista…

Motori360-Jeep-Grand-Cherokee-Hemi-6.2-700cv-10

Basta sfiorare l’acceleratore per capire che i cavalli sono pronti ad andare al galoppo. Un centinaio di metri per entrare in pista e giù con il piede destro. Il propulsore è elastico (868 Nm) e estremamente generoso, con le levette sul volante la manovrabilità del cambio è precisa e rapida. Nessun buco nei passaggi al rapporto superiore, mentre nelle scalate prima delle chicane o delle curve più strette, il brontolio dello scarico indica l’efficacia del freno motore che necessariamente deve essere integrato con un colpo di freno che consente all’efficace impianto Brembo di decelerare in spazi molto corti e senza evidenziare affaticamento anche dopo ripetute e violente frenate.

Motori360-Jeep-Grand-Cherokee-Hemi-6.2-700cv-09

La trazione integrale e le varie assistenze alla guida consentono di avere una stabilità sempre ottimale, non bisogna comunque dimenticare che stiamo guidando un SUV di quasi 5 metri (4.822 mm), quasi 25 quintali di peso (2.433 kg) e con un baricentro abbastanza alto, perciò i 700 cavalli vanno scaricati con responsabilità per evitare situazioni come lo scarrocciamento o l’imbardata.   

Questa Track Hawk è l’erede dell’attuale Grand Cherokee SRT che, con una cilindrata di 6,4 litri, eroga «solo» 468 cv. Quando poi ci si fregia del titolo di SUV «più potente al mondo» tutte le altre sono inevitabilmente meno potenti e tra queste c’è la nuova Lamborghini Urus che di cavalli ne ha «solo» 650 e ancora meno per la Porsche Cayenne che dispone di 550 cv. Da non trascurare il prezzo, sebbene sia ancora da definire, la Grand Cherokee Track Hawk  costerà circa la metà rispetto alle concorrenti.

[ Paolo Pauletta ]

 

Print Friendly, PDF & Email