Home > Automotive > Maserati: il Tridente splende al Parco Valentino di Torino

Maserati: il Tridente splende al Parco Valentino di Torino

La Casa automobilistica italiana incanta il pubblico con i suoi ultimi modelli

Di auto di lusso esposte al Salone di Torino ce ne sono a decine e Maserati anche quest’anno non si è lasciata sfuggire l’occasione per mostrare al pubblico i suoi modelli più esclusivi e più recenti. Infatti la Casa del Tridente ha esposto una Maserati Levante, il prestigioso SUV presentato lo scorso anno, e una Maserati Ghibli.

Small-14503-MaseratistandalParcodelValentino2018

La Ghibli è presentata nel suo Grigio Maratea, con allestimento GranLusso e interni in seta Ermenegildo Zegna. Il motore montato è un V6 Twin Turbo a benzina con cambio automatico ZF a otto rapporti con potenza massima di 275 kW (350 cv). Senza contare le novità tecnologiche di cui è dotata, dato che si tratta della versione model year 2018. 

Small-14504-MaseratiGhibliGranLussoalParcodelValentino2018

Al fianco della Ghibli, la Levante color Bianco Alpi, caratterizzata da dettagli Black Piano sulla griglia anteriore, scritta «GranSport» sui parafanghi anteriori, modanature laterali in tinta vettura, gli inserti blu sia sul logo Tridente sia su quello Saetta, le pinze freno di colore Rosso e i cerchi Nereo da 20”. Stavolta il motore che da’ vita alla vettura è un V6 Twin Turbo a benzina, cambio automatico a otto rapporti e una potenza di 430 cavalli che permette di raggiungere la velocità di punta di 251 km/h.

Small-14502-MaseratiLevanteGranSportalParcodelValentino2018

Maserati ha inoltre fatto sfilare un’altra Levante Nera alla parata della Supercar Night Parade che si è tenuta ieri sera per le strade del centro storico. Ora l’appuntamento con il marchio è fissato per domenica 10 giugno, quando avrà luogo una seconda sfilata di sole Maserati, alla quale prenderanno parte una ventina di vetture appartenenti agli iscritti del Maserati Club Italia.  La parata, con inizio alle ore 10.30, porterà i suoi partecipanti alla Reggia di Venaria dopo i 40 chilometri lungo la città e le colline torinesi.

[ Jacopo Romanelli ]

Print Friendly, PDF & Email