Home > News > Nasce la Fondazione Ferry Porsche

Nasce la Fondazione Ferry Porsche

logo_per_flash_news

La Casa tedesca specializzata in vetture sportive dà anche vita alla Fondazione Ferry Porsche, creata con l’intento di sostenere progetti collegati all’istruzione e alle problematiche sociali e di svolgere un ruolo attivo nello sviluppo dei giovani. Come investimento iniziale per la Fondazione, la Casa ha stanziato dieci milioni di euro, che saranno seguiti da altri dieci milioni in una seconda fase. Il nome del progetto si ispira a Ferry Porsche, figlio del Professor Ferdinand Porsche, famoso progettista di veicoli che nel 1948 fondò il marchio di vetture sportive Porsche.

Motori360-fondazione-Porsche

Per Porsche, il successo economico e la responsabilità sociale sono due elementi legati indissolubilmente”, spiega Oliver Blume, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Porsche AG. “Attraverso la Fondazione Ferry Porsche puntiamo a rafforzare in modo sostenibile le attività che già svolgiamo a livello sociale e civico, indipendentemente dalle nostre attività operative di tutti i giorni.” Ogni anno, Porsche erogherà alla Fondazione altri fondi attingendo agli utili del Gruppo. Negli scorsi anni, Porsche ha investito annualmente fino a cinque milioni di euro per promuovere istituzioni operanti in ambito civile, culturale e sociale.

La Fondazione Ferry Porsche si concentrerà soprattutto su progetti sviluppati all’interno e nelle aree più prossime agli stabilimenti Porsche di Stoccarda, Weissach e Lipsia. Verranno sostenuti anche progetti in diverse aree geografiche del mondo. L’attività della Fondazione sarà incentrata sul sostegno a progetti riguardanti le scienze, la ricerca e l’istruzione, ma anche la formazione e lo sviluppo, sulla promozione di iniziative culturali e ambientali e sull’aiuto alle persone che si trovano in una situazione di disagio sociale. In tutti questi ambiti, l’obiettivo primario sono i giovani. In futuro, Porsche prevede inoltre di sviluppare e promuovere programmi propri nell’ambito della Fondazione.

Print Friendly, PDF & Email