Home > DueRuote > A Roma è di scena Motodays

A Roma è di scena Motodays

Comincia lo show di «Motodays», il Salone della Moto e dello Scooter in programma alla Fiera di Roma fino a domenica 11 marzo

Motori360-Motodays-panoramica

Giunto alla decima edizione, Motodays sfodera numeri impressionanti: dal 2008 ad oggi ha registrato 1.164.000 i visitatori con 2.340 espositori, 2.870 moto in 43 padiglioni, per un totale di 376.000 mq espositivi interni e 55.000 esterni. Non solo expo: 63 le ore di spettacolo hanno finora emozionato il pubblico, con 25.000 prove effettuate. Per festeggiare i 10 anni della manifestazione è stato rinnovato il logo della manifestazione con il contributo di un artista del calibro di Aldo Drudi, il designer dei campioni che firma i caschi di Valentino Rossi, Mick Doohan, Kevin Schwantz. Il testimonial di quest’anno così speciale è Freddie Spencer, tre volte campione del mondo e l’unico ad aver vinto nello stesso anno il titolo iridato della classe 250 e 500.

Moto sotto i riflettori e in prova su strada

Sono presenti le giapponesi Honda, Suzuki e Yamaha, le italiane MV Agusta, Aprilia, Moto Guzzi e Piaggio, la bavarese Bmw, l’austriaca Ktm, le americane Harley-Davidson, Indian e UM Motorcycles, la svedese Husqvarna, l’inglese Triumph e la taiwanese Kymco. Honda presenta un’anteprima mondiale nel settore scooter, mentre Suzuki lancia sotto i riflettori una nuova special derivata dalla SV650. Moto e scooter di Aprilia, BMW, Harley-Davidson, Indian, Moto Guzzi, Suzuki e Triumph si possono provare con la «Riding Experience» su un tracciato esterno di circa 15 chilometri, assistiti dai collaudatori dei singoli marchi.

Attenzione alla mobilità sostenibile

Roma Motodays torna ad essere il contenitore ideale per introdurre l’attualità dei temi rivolti alla mobilità sostenibile e condivisa. «2Wheels 2Work» è un evento nell’evento, con l’esposizione di scooter, moto, bici, e-bike, accessori moto e bici, nuove tecnologie, software e sistemi di mobilità urbana sostenibili. Sono previsti incontri sul Mobility Manager aziendale e scolastico a cura di Roma Servizi Mobilità. Numerosi gli appuntamenti, con dibattiti tecnico-scientifici, workshop e dimostrazioni per presentare novità, applicazioni future e prospettive per la mobilità urbana. In particolare, i «Motorbike Masterclass» e le «Pillole di Tecnologia»  sono dei veri e propri tutorial tecnici con presentazioni e demo a cura di Università Roma Tre e Unicusano.

Motodays è anche mototurismo

Il Padiglione 6 è il palcoscenico della prima edizione della Borsa internazionale del turismo su due ruote, con la partecipazione di destinazioni italiane e straniere. Un’occasione di business per dar luogo a nuove relazioni tra operatori, perseguendo la vocazione internazionale di Fiera Roma, ma anche in grado di emozionare e divertire grazie alle testimonianze dei tanti viaggiatori che si avvicendano sul palco dell’area #WelcomeBikers. Il format della Borsa Internazionale del Turismo su due ruote «BITM» nasce per offrire ai motociclisti soluzioni concrete ed oggettive per i loro prossimi itinerari, creando occasioni di contatto per nuove prospettive di viaggio. Oltre 30 le aziende coinvolte, con grandi realtà aziendali come MotoExplora, Modus Movendi, Libermoto e GoBiker, oltre ad operatori specifici come Eagle Rider, specializzati in viaggi alla scoperta degli Stati Uniti in sella alle mitiche Harley-Davidson.

Spazio ai club

Un importante focus è dedicato alle «Donne in motocicletta», il progetto della Federazione Motociclistica Italiana finalizzato a un corretto approccio alla moto da parte del mondo femminile, dalla scelta del mezzo alla sicurezza. Punti di ritrovo imperdibili sono gli stand di Bmw Motorrad Federclub Italia ed Hog – Harley Owners Group, così come Motoclub Ténéré Italia, Honda Goldwing, Africa Twin. Non manca lo spazio per la solidarietà, con l’esposizione di «Bambini nel Deserto», quest’anno supportati dal viaggiatore Enrico Ruffa.

Insieme alla Federazione Motociclistica Italiana

L’impronta sportiva di Roma Motodays  viene rafforzata dall’accordo stipulato con la Federazione Motociclistica Italiana che pone il marchio fieristico come sponsor del Campionato Italiano Velocità per il triennio 2018-2020. Lo stand della Federazione al Padiglione 3 sarà il punto di riferimento di appassionati e tesserati. Fino a domenica sono in programma i Corsi di Guida Sicura su Strada e di Prima Introduzione alla Guida, tenuti da istruttori federali. La FMI sarà inoltre presente nel «Rione Officine», l’area tematica dedicata al mondo delle special e della customizzazione, partecipando alla giuria del contest e istituendo un premio specifico «Iron Touring».

Fitto programma di gara

Nell’arena di Roma Motodays, adiacente ai padiglioni, sono allestite le piste per le gare organizzate da FXAction. Sabato 10 e domenica 11 marzo si disputa la gara di Enduro Country con cinque categorie al via: Mini con i giovanissimi, 125cc, Open Amatori, Open Agonisti fino a 450cc e una classe femminile che vede schierarsi anche Valentina Onori e Tania Milani. Domenica 11 marzo c’è il tradizionale appuntamento con la gara di Supermoto: sul misto terra/asfalto si contendono il Trofeo Motodays 2018 i protagonisti dei campionati internazionali. La partenza dal cancelletto, insolita per la Supermoto, colora l’evento con un tocco di originalità.

Grande spettacolo all’aperto

Le esibizioni nelle aree esterne costituiscono da sempre una grande attrazione di Roma Motodays, con stuntman e freestyler a sottolineare la sportività e la creatività del mondo delle due ruote. C’è grande attesa per il polacco Rafal Pasierbek, che torna a Roma Motodays dopo un’assenza di quattro edizioni: considerato tra i più forti stunt bikers mondiali, rientra tra gli atleti del team «Monster Energy». Ci sono poi i Daboot, i sei funamboli del freestyle in sella a sei esclusive moto da cross. Anche «Full Team Stunt Show» è a Motodays, con il funambolico Vanni, noto come Dr. Spalanca, che si esibisce in sella al quad motorizzato Yamaha R1.

Si guida anche al buio

Giovedi 8 e e venerdì 9 marzo nell’arena esterna si svolge «Guida al Buio»: un progetto che nasce dal record di Daniele Cassioli, il nove volte campione mondiale di sci nautico entrato nel Guinness dei primati per aver percorso da non vedente in due minuti e quindici secondi – alla media di 50,66 km/h – un giro della pista di Castelletto di Branduzzo. Il suo istruttore Omar Frigerio è a disposizione del pubblico per far provare l’esperienza di guidare bendati, stimolando la comprensione del valore dei restanti quattro sensi e le capacità di adattamento della nostra mente.

In fiera si entra in moto

Si entra a Motodays direttamente in sella alla propria moto o scooter, da parcheggiare fra i padiglioni del quartiere fieristico. Niente file alle casse, dunque, ma una via d’accesso privilegiata per chi compra i biglietti in prevendita. Le donne che si presentano giovedì e venerdì con la propria moto entrano gratis. I cancelli aprono alle 10.00 per chiudersi alle 19.00, ma sabato la manifestazione prosegue fino alle 20.00. Il biglietto intero giornaliero, acquistabile in prevendita su Vivaticket, costa 12 euro nelle giornate di giovedì e venerdì, mentre sabato e domenica il prezzo sale a 16 euro . Il biglietto dà diritto ad entrare anche a «VO – Salone del Veicolo d’Occasione»,  in parallelo negli altri padiglioni della Fiera di Roma. Sono previsti sconti per gli over70 (riduzione di 3 euro) e per i tesserati FMI, HOG, BMW Motorrad Federclub e Motoclub affiliati (-4 euro). Portatori di handicap, bambini e militari entrano gratis.

[ Daniele Venturi ]

Print Friendly, PDF & Email