Home > Automotive > Salone di Francoforte dalla R alla VW

Salone di Francoforte dalla R alla VW

Si conclude con Renault, Skoda, Toyota e Volkswagen questa sintetica rassegna delle vetture più significative viste a Francoforte

 Abbiamo passato in rassegna Alpina, Audi, Bentley e BMW, proseguendo con Citroën, Dacia e Ford ; a seguire Hyundai, Jaguar, Kia e Land Rover e quindi Maserati, Mercedes, Mini, Opel e Porsche.

RENAULT

Motori360.it-IAA daRaVW-02

La Casa della Losanga è già pronta per produrre l’auto del futuro, caratterizzata da un abitacolo molto luminoso con la parte inferiore delle porte con apertura ad armadio per facilitare l’accesso e quella superiore vetrata ad ala di gabbiano.

Motori360.it-IAA daRaVW-03

Detto così sembra una fantasia progettuale, ma la Symbioz è, o quantomeno potrebbe essere, una vettura che in un futuro non troppo lontano vedremo sulle nostre strade. Certo è ancora un concept, però non è fantascienza, nonostante le soluzioni tecnologiche introdotte non siano ancora attuabili, soprattutto per quel che riguarda la guida autonoma.

Motori360.it-IAA daRaVW-04

Quando il motore passa nella modalità «Guida autonoma», il volante si ritrae, così come la pedaliera e il cruscotto, per offrire maggiore spazio ai passeggeri. Volendo si possono ruotare i sedili anteriori e sollevare un piccolo tavolo al centro in modo da creare un ambiente più conviviale.

Motori360.it-IAA daRaVW-05

Per la motorizzazione si avvale di 2 motori elettrici sull’asse posteriore che sviluppano una potenza di 680 cv per un’autonomia di 500 km.

Più realista e attuale, la nuova Mégane RS equipaggiata con un motore a 4 cilindri turbo da 1,8 litri e 280 cv accoppiato ad un cambio automatico a doppia frizione con palette al volante che consentono di scalare più rapporti in un colpo solo.

La stabilità in curva è assicurata dalle 4 ruote sterzanti, dal differenziale autobloccante e da un assetto studiato da Renault Sport.

Nel 2018 si affiancherà una versione Cup con un telaio più rigido, un differenziale a slittamento limitato e soprattutto un motore da 300 cv con cambio manuale.

ŠKODA

In casa Škoda è nato un altro SUV, fratello del Kodiaq, si chiama Karoq ed è sviluppato sullo stesso pianale delle sorelle Tiguan (VW) e Ateca (Seat). Ha dimensioni più cittadine e va a sostituire il popolare Yeti nato nel 2009. Esternamente è leggermente più grande, lunghezza 4.380 mm (+160 mm) e larghezza 1.840 (+50 mm), ma internamente è molto più spazioso, con i sedili posteriori separati e scorrevoli, il volume di carico va da 521 a 1.630 litri

Nella versione Vario Flex, i sedili sono anche estraibili e il Karoq può essere facilmente trasformato in un minivan. Al momento del lancio le motorizzazioni disponibili sono cinque, due benzina TSI da 1 litro e 115 cv o 1,5 litri da 150 cv, ai quali si affiancano tre Diesel TDI, da 1,6 litri e 115 cv, oppure il 2 litri con 150 o 190 cv. Quest’ultimo ha la trazione integrale e cambio automatico DSG a 7 rapporti.

TOYOTA

Motori360.it-IAA daRaVW-15

L’iconica Land Cruiser, nata nel 1951, pur mantenendo il classico telaio a longheroni che caratterizza la sua robustezza, si adegua ai tempi e si presenta a Francoforte con un aggiornamento estetico e l’adozione delle più recenti assistenze alla guida. Nella vista di profilo si nota un frontale più prominente, probabilmente a scapito dell’angolo di attacco, e un cofano motore con una doppia goffratura per renderlo più robusto. Di nuovo disegno anche i gruppi ottici anteriori e posteriori e seppure poco off-road, i nuovi cerchi in lega da 19” con 6 doppi raggi in 2 tonalità di grigio.

Nell’abitacolo si nota un nuovo quadro strumenti, il sistema multimediale Toyota Touch &Go da 8”e lo schermo da 4,2” del computer di bordo. Il comfort di marcia è assicurato dai sedili anteriori ventilati e quelli posteriori riscaldati.

Per un perfetto comportamento su strada e in fuoristrada con ogni tipo di terreno, la Land Cruiser (tipo Prado) Model Year 2018 è equipaggiata con il Drive Mode Select System che consente di affrontare i terreni più ostili. Le altre assistenze alla guida che monitorano il controllo di trazione e l’avanzamento del veicolo sono il Multi-Terrain Monitor (MTM), integrato con l’Under Vehicle Terrain View e il Panoramic View Monitor; e il Multi-Terrain Select (MTS) in combinazione con il Crawl Control.

Motori360.it-IAA daRaVW-21

Il motore è il 4 cilindri turbo diesel D-4D da 2,8 litri da 177 cv, abbinato ad un cambio manuale o automatico a 6 velocità (6 Super ECT) Super Intelligent Electronically Controlled. Per alcuni mercati c’è anche il V6 da 4 litri e 249 cv.

VOLKSWAGEN

Motori360.it-IAA daRaVW-22

Dopo una lunga gestazione, lo avevamo visto come concept al Salone di Ginevra nel 2014, la novità di Wolfsburg a Francoforte è la T-Roc, ovvero la versione compact-SUV della Golf con la tecnica dell’Audi Q2.

Qualunque sia l’ispirazione, la T-Roc si presenta con un design ben riuscito, parafanghi muscolosi e livrea bicolore dalle tonalità accese. I motori proposti sono 6, dal 3 cilindri da 1 litro TSI da 115 cv al Diesel 2 litri TDI da 190 cv con cambio automatico DSG a 7 rapporti e trazione integrale 4Motion.

[ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email