Home > Automotive > Salone di Francoforte dalla A alla Z…

Salone di Francoforte dalla A alla Z…

Tante le novità soprattutto tra i modelli top di gamma ad alte prestazioni

 

Inizia una breve carrellata, a puntate, delle principali novità al Salone di Francoforte che per semplicità vengono esposte in ordine alfabetico. Iniziamo con dalla «A alla B».

ALPINA

Il costruttore tedesco presenta a Francoforte la più potente berlina Diesel a trazione integrale del segmento: la «D5 S» (Sportdiesel). Con i suoi 388 cv erogati dal 3 litri tri-turbo, 286 km/h di velocità massima autolimitati e con lo 0-200 km/h in 17 secondi regala prestazioni da sportiva di razza, ma con rifiniture interne e comfort da berlina di alta gamma.

AUDI

Motori360.it-IAA 2017-06

Debutto a Francoforte per la berlina top di gamma A8, con un design rinnovato, tanti sensori per l’assistenza alla guida e un livello qualitativo ancora più elevato.

Tra le sportive la R8 RWS (Rear Wheel Series) con 602 cv e l’iconica RS 4 Avant con il V6 twin-turbo da 2,9 litri e 445 cv per una velocità massima di 250 km/h che possono arrivare a 280 km/h con l’RS dynamic pack.

Sempre proiettata nel futuro, la Casa di Ingolstadt ha presentato il concept Aicon, berlina full electric con autonomia tra i 700/800 km concepita per la guida autonoma, lo conferma l’assenza del volante e dei tradizionali pedali e la Elaine, un SUV elettrico molto vicino alla produzione.

BENTLEY

Motori360.it-IAA 2017-13

Debutto per la 3a generazione della Continental GT equipaggiata con il poderoso W12 da 6 litri e 635 cv per una velocità massima di 333 km/h e lo 0-100 in 3,7 secondi. Nell’abitacolo rifinito ai massimi livelli, la novità maggiore è costituita dallo schermo da 12.3“ al centro della plancia.

BMW

Ben 6 le novità presentate dalla Casa di Monaco tra aggiornamenti, nuovi modelli e concept.

La nuova M5 è equipaggiata con V8 da 4,4 litri da 600 cv abbinato a un tradizionale cambio automatico a 8 velocità. Interessante la possibilità di escludere la trazione integrale e trasformarla in una divertente trazione posteriore, o viceversa.

Motori360.it-IAA 2017-18

La M8 GTE è una vettura da corsa disponibile anche con una sobria livrea stradale. Ambedue le versioni sono realizzate facendo largo utilizzo di fibra di carbonio rinforzato (CFRP) e sotto il cofano hanno un motore V8 da 4 litri turbo. La versione da corsa che parteciperà alla prossima 24 Ore di LeMans evidenzia la livrea M Motorsport e vistose appendici aerodinamiche.

Facelift e aggiornamenti interni per la Serie 6 GT. Il frontale si presenta ridisegnato e posteriormente uno spoiler si solleva a 120 km/h, inoltre, per migliorare l’efficienza il peso è stato ridotto -115 kg. Per migliorare l’abitabilità questo nuovo modello è più lungo di +87 mm, mentre all’interno è stato abbassato di -21 mm il sedile del guidatore.

Bisogna metterle una accanto all’altra per notare le differenze tra la nuova X3 e il modello precedente. Probabilmente la parte più rinnovata è il frontale, con le prese d’aria laterali di maggiore dimensione e con gli spot fendinebbia, ora rettangolari, incassati e gruppi ottici Led. Anche il doppio rene anteriore è più grande perché è stato inserito l’active air flap control, ovvero le alette che si aprono solo quando il motore necessita di raffreddamento, altrimenti restano chiuse per migliorare l’aerodinamica. Inoltre, il parabrezza è in vetro acustico.

Motori360.it-IAA 2017-23

Nuovo look anche per la «i3» elettrica, anche nella versione «S» con cerchi da 20” che impiega 0,4 secondi in meno per percorrere lo 0-100 (6,9 s) e una velocità massima di 160 km/h. Qualche decimo di secondo in più per la versione REx (Range Extended) 7,7 secondi contro gli 8,1 della versione normale. La «S» ha anche un assetto più sportivo, più basso di 10 mm e carreggiate più larghe di 40 mm.

Il nuovo SUV di alta gamma di BMW è l’X7, è ancora un concept, ma si sa che avrà una motorizzazione ibrida con un potente TwinPower Turbo abbinato ad un motore elettrico. Un’anticipazione di questo modello l’avevamo fatta la settimana scorsa.

 [ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email