Home > Cielo > Un Westland Sea King a «5 Stelle»

Un Westland Sea King a «5 Stelle»

Con la sigla ZA127 apparteneva al 810 Squadron della Royal Navy che lo ha utilizzato principalmente per la lotta antisommergibile ma anche con compiti di ricerca e soccorso

In Scozia, nei pressi della città di Stirling, la famiglia Steedman è proprietari di vasto terreno sul quale hanno realizzato e gestiscono la Main Farm Wigwams, una via di mezzo tra un villaggio turistico ed un campeggio, dove gli ospiti alloggiano nelle Wigwams, che tanto per capirci, anche se impropriamente, potremo chiamare Bungalow.

A marzo dello scorso anno, Il Ministero della Difesa inglese aveva messo all’asta un glorioso elicottero Westland Sea King (progettato dalla statunitense Sikorsky appositamente per le esigenze della Royal Navy e prodotto su licenza dalla Westland) che dopo anni di onorato servizio per sua Maestà con la sigla di registrazione ZA127, aveva raggiunto l’età della pensione. Martyn Steedman si dimostrò interessato al velivolo e per 7.000 sterline riuscì ad aggiudicarselo. Le sue intenzioni non erano certo di farlo volare ancora, ma di trasformarlo in un accogliente appartamento da affiancare alle sue Wigwams.

Un restauro meticoloso

Motori360.it-SeaKing-06

Il primo problema da affrontare era quello di trovare un modo per portare quel ingombrante elicottero lungo 17 metri dalla base della Royal Navy fino alla sua Farm per poi iniziare la trasformazione in accogliente alloggio.

Le condizioni del Sea King erano pessime e il lavoro si dimostrò molto impegnativo. Dopo averlo svuotato completamente, Martyn e sua moglie Louise iniziarono il rifacimento degli interni, prima applicando una abbondante isolazione termica, poi creando pareti e soffitto con doghe di legno, infine inserendo gli arredi necessari.

Al fine di mantenere l’aspetto originario, sebbene non più funzionale, i signori Steedman hanno acquistato su eBay delle pale nuove originali, sostituito il rotore di coda e riverniciato il Sea King con il suo colore militare.

Internamente hanno lasciato praticamente integri i posti di pilotaggio, compresa la strumentazione e la pedaliera, hanno però rimosso la postazione radio per far posto al bagno e alla cucina. Anche l’illuminazione interna è come l’originale, tanto che guardandolo alla sera, sembra sia pronto al decollo.

Motori360.it-SeaKing-17

Alla fine, riportare a nuova vita il Sea King è costato 40.000 sterline, ma ora è disponibile per i suoi ospiti che possono alloggiare confortevolmente in un pezzo di storia dell’aviazione, alla modica cifra di 150 sterline a notte.

[ Paolo Pauletta ]

 

 

Print Friendly, PDF & Email