Home > Automotive > Attualità > Le Flotte Aziendali piacciono sempre di più

Le Flotte Aziendali piacciono sempre di più

Presentato al Fleet Motor Day lo studio promosso dall’Osservatorio Top Thousand sui livelli di soddisfazione delle grandi aziende per i servizi di noleggio a lungo termine. I Fleet Manager sono sempre più soddisfatti dei servizi di noleggio, ma restano ancora alcune aree critiche su cui intervenire. Come i servizi basati sulla tecnologia avanzata, e le fasi di consegna della vettura e di chiusura del contrattoMotori360_Flotte03 Le Flotte Aziendali piacciono sempre di più

Fornire l’auto ai dipendenti, inserendola nel contratto di lavoro. O integrandola fra i benefit per il management. Ricorrere a una flotta esterna in luogo dell’acquisto diretto dei veicoli. Questo e molto altro ancora è il cosiddetto Noleggio a Lungo Termine (NLT), sempre più in via di affermazione: uno strumento dall’offerta sempre più ampia, che funziona e supera la sufficienza, lasciando i Fleet Manager e le aziende soddisfatti. La gestione degli aspetti amministrativi e nei servizi all’auto rappresentano le eccellenze dell’NLT, mentre il supporto hi-tech, la consegna della vettura e la fase di chiusura dei contratti rappresentano le aree critiche.

Motori360_Flotte04 Le Flotte Aziendali piacciono sempre di più

Il convegno di presentazione dello studio «Noleggio & Qualità» di SumoPublishing, promosso da Top Thousand (l’Osservatorio sulla mobilità aziendale composto da Fleet e Mobility Manager di grandi aziende e da Aniasa (Associazione Nazionale Industria Autonoleggio e Servizi Automobilistici di Confindustria), si è svolto all’interno della Terza Edizione del Fleet Motor Day di Vallelunga, evento dedicato ai gestori delle flotte aziendali a cui hanno partecipato 200 fleet manager e 31 marchi automobilistici. Da questo studio è emersa soprattutto una nuova consapevolezza: “le aziende vogliono essere più coinvolte sui propri prodotti/servizi” con un futuro che delinea così una maggiore sinergia tra fleet manager e noleggiatori, e rivela al presente un potenziale inespresso interessante: le aziende clienti dichiarano di essere poco coinvolte nella progettazione o nella semplice presentazione dei propri prodotti/servizi, nonché in eventi relazionali o «esperienziali». Tali momenti di contatto non rappresentano solo un’occasione di promozione diretta, ma anche un’opportunità per formare i propri clienti e acquisire dati da elaborare. E su questi aspetti occorre ancora lavorare.

Motori360_Flotte05 Le Flotte Aziendali piacciono sempre di più

La nostra analisi fornisce, per la prima volta, un osservatorio terzo sul livello di soddisfazione delle grandi flotte per i servizi di NLT” spiega Riccardo Vitelli, Presidente Top Thousand. “Emerge un generale gradimento per la formula long term” e, per il domani, conclude: “la maggiore consapevolezza raggiunta dai fleet manager ci induce a pensare che ormai le società di noleggio abbiano di fronte partner con cui lavorare in sinergia”. Analizzando un campione di 30 grandi aziende, nazionali e multinazionali, di diversi settori, dallo studio è emerso che per quanto riguarda la Struttura commerciale il grado di soddisfazione è «buono» e infatti “entrare in contatto con la società di noleggio viene giudicato semplice”; bene anche il Supporto per la soluzione dei problemi. Feedback positivi arrivano anche per la «Gestione dei servizi amministrativi»: il voto è vicino al «buono», dagli adempimenti legali alla gestione delle contravvenzioni. Nei servizi da rivedere emerge l’offerta hi-tech: “tra gli aspetti meno apprezzati l’attenzione alle novità informatiche che consentono di lavorare meglio” e gli addetti alla configurazione dei veicoli. Bene invece i servizi all’auto, come la modalità di gestione dei sinistri e la reperibilità del customer service: fuel card, soccorso stradale e distribuzione territoriale delle officine sono i punti di forza.

Motori360_Flotte06 Le Flotte Aziendali piacciono sempre di più

Invece la gestione della «chiusura contratto» è “ancora percepita come un passaggio non fluido”. La riconsegna del veicolo a fine contratto può comportare la quantificazione dell’usura, dei danni, delle eccedenze chilometriche; è una fase che contiene opportunità diverse (su tutte, il business addizionale della rivendita dell’auto direttamente all’utente finale originario), ma resta comunque delicata, in quanto sul cosiddetto «fine-rent» gli operatori si giocano una porzione della redditività dell’intero contratto e del rapporto con il cliente. La gestione della chiusura del contratto non si trova, spesso, al centro di una precisa strategia dei provider.

[ Alessandro Ferri ]