Home > Automotive > Attualità > Verona Legend Cars, la storia dell’auto

Verona Legend Cars, la storia dell’auto

Dal 13 al 15 maggio Verona diventa capitale dell’Heritage automobilistico

01_Verona Legend Cars_ante

Mancano poche ore all’apertura dei cancelli della Fiera di Verona per la 2a edizione di Verona Legend Cars, un appuntamento imperdibile per ogni appassionato di auto e della sua storia. Un’occasione unica per ammirare modelli indimenticabili, spesso pezzi unici o rari provenienti da Musei, collezionisti e commercianti di tutta Europa.

Il Museo Nicolis di Villafranca porterà tra le altre, una Maserati A6 1500 coupé Pinin Farina del 1947, secondo prototipo realizzato nelle Officine Maserati di Modena e una Fiat 1100 Sport Barchetta carrozzata Motto del 1948 che partecipò alla 1000 Miglia di quell’anno guidata da Alessio Pedretti.

Molto importanti le altre mostre monotematiche che cattureranno l’interesse dei visitatori. Il Lamborghini Club Italia festeggerà i 50 anni della Miura esponendo le 3 versioni che hanno fatto nascere il mito Miura: la P400, P400 S e P400 SV. Tra il 1966 e il ’73 vennero prodotti 762 esemplari di questo modello che per primo adottava un motore posteriore/centrale trasversale a 12 cilindri, creato allo scopo da Giotto Bizzarini.

Compleanno anche per la Carrozzeria Touring «Superleggera», 90 anni di design made in Italy splendidamente rappresentati dalle Alfa Romeo – 6C Villa d’Este e 1900 CSS –, dalla Maserati 3500 GT e la Aston Martin DB6 resa famosa da James Bond.

Scuderia Jaguar Storiche porta 10 esemplari che sono state protagoniste in memorabili film, «le Jaguar e il cinema». Simbolo degli anni ‘50 le serie XK (120, 140 e 150) viste in molte pellicole di quegli anni e subito dopo la sua erede, la mitica Jaguar E che sarà presente in tutte le versioni.

La casa d’aste Maison Bibelot per la prima volta a Verona, propone centinaia di lotti di automobilia e memorabilia, ma per la gioia dei più attenti collezionisti, anche auto e moto rarissime. Tra queste la Brough Superior SS80 del 1939 che fu di Lowrence d’Arabia, nel Mondo esistono solo 50 esemplari.

12_Verona Legend Cars_ante

Gli appassionati di rally potranno vedere tutti i modelli Lancia che hanno trionfato nel mondo delle competizioni con le livree Martini e Alitalia. L’elenco delle vetture presenti è molto lungo e si va dalla Fulvia HF 1600 Gr 4 che partecipò al Safari Rally del 1970 guidata dal finlandese Simo Lampinen, alle 037 Gr B degli anni ’80 fino alle Delta Integrale Gr A di Didier Auriol che nel ’90 vinse il Rally di Sanremo e S4 Gr B che nel 1986 partecipò al Rally Nuova Zelanda con Marku Allen.

Ma anche la Lancia Beta Montecarlo Turbo e la Endurance LC1 che furono di Riccardo Patrese.

15_Verona Legend Cars_ante

Non possono mancare gli esemplari che hanno fatto sognare i tifosi pilotate da Miki Biasion e nella giornata di domenica il campione veneto accoglierà i possessori di Lancia Delta e Lancia da competizione che si ritroveranno in Fiera per il raduno biennale «Amiki Miei». Per l’intera giornata gli appassionati Lancia potranno chiacchierare con il 2 volte Campione del Mondo Rally e assistere alle esibizione nell’area test drive.

Anche altri Club arricchiranno il week-end veronese, tra questi il Fiat 500 Club Italia con decine di esemplari dell’utilitaria per eccellenza, il Club Stelle Cadenti con le maestose Mercedes Oldtimer, il Club Route 66 con le possenti americane e la Scuderia Britannia con le auto inglesi da competizione.

Tra le auto rare presenti a Verona Legend Cars, una LMX disegnata da Franco Scaglione e prodotta da ’68 al ’73 in soli 35 esemplari e una Marcos 1650 GT prodotta in soli 32 esemplari nel 1967.

[ Paolo Pauletta ]

Print Friendly, PDF & Email