Home > Automotive > Auto > Toyota Mirai sbarca… in Europa

Toyota Mirai sbarca… in Europa

I primi 5 esemplari alimentati ad idrogeno della Casa giapponese sono arrivati in Gran Bretagna e Belgio. Seguiranno circa un centinaio di Mirai entro il 2016

Un paio di vetture sono state sbarcate in Gran Bretagna nel porto di Bristol, le altre in Belgio a Zeebrugge, pronte per essere commercializzate da settembre. Inizialmente in Gran Bretagna, Danimarca e Germania dove saranno in vendita a 78.450 euro e dove è già iniziata la diffusione delle stazioni di servizio per l’idrogeno. Il prezzo non si discosta molto da una vettura elettrica come la Tesla che però ha prestazioni nettamente superiori. Ambedue hanno emissioni Zero e una autonomia di circa 500 km, unica differenza il tempo per la ricarica o rifornimento, un’ora e anche più per l’elettrica, pochi minuti per l’idrogeno.

00_APERTURA Toyota Mirai

Per quanto riguarda il prezzo di listino, Toyota ha già detto che spera di ridurre i costi di produzione delle vetture ad idrogeno entro il 2030 e portare il prezzo vicino a quello di una vettura ibrida.

Negli Stati Uniti, in California, la Mirai sarà in vendita da ottobre e Toyota prevede di vendere 3.000 esemplari entro il 2017.

La Mirai è una berlina lunga 4.890 mm con la carrozzeria in plastica rinforzata con fibra di carbonio dalla linea molto avanzata e 4 posti confortevoli. L’idrogeno che funge da combustibile, alimenta una cella a combustione che genera energia elettrica per un motore elettrico che sviluppa 154 cv per accelerazione 0-100 km/h in 9,6 secondi, una velocità massima di 178 km/h e una autonomia ad emissioni Zero di 480 km. Prestazioni migliori, sebbene simili alla sorella ibrida Prius che però ad emissioni Zero viaggia solo per 2 km...

06_Toyota Mirai

In Italia, la Mirai ha fatto il suo debutto espositivo a Genova ai primi di giugno, ma per il momento, per noi italiani qualsiasi alimentazione diversa da benzina o Diesel non rientra nella linea di pensiero e non solo per la scarsa o nulla presenza di stazioni di servizio dedicate, all’estero – e neanche troppo lontano – la direzione verso l’elettrico e l’idrogeno è già stata imboccata. Audi ha già annunciato che entro il 2020 metterà sul mercato un SUV 100% elettrico, mentre BMW ha siglato una collaborazione con Toyota per lanciare un modello a idrogeno nel 2020.

[Paolo Pauletta]

Print Friendly, PDF & Email